Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/268: L'U. S. OPEN METTE IN PALIO LA LEADERSHIP MONDIALE

Trionfa Gary Woodland, a Molinari non riesce la rimonta


PEBBLE BEACH (USA) - È il terzo major stagionale americano, ha luogo a Pebble Beach Golf Links in California, una delle maggiori sedi di Golf nel mondo. Sono due gli azzurri a disputare questo importante torneo. Francesco Molinari è affiancato da Renato Paratore, il giovane romano che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tre catanesi, un uomo e due donne, fermati dai carabinieri

TRUFFA DELLO SPECCHIETTO, BANDA IN AZIONE A VITTORIO VENETO

Aveva tentato di truffare un autista vittoriese


VITTORIO VENETO. Hanno fermato un'auto guidata da un 23 enne che stava viaggiando in Largo Porta Cadore a Vittorio Veneto ed hanno tentato di farsi consegnare dei soldi accusando l'automobilisto di aver urtato e rotto lo specchietto dellla loro automobile. Ma il ragazzo, vittima del raggiro, ha reagito, estratto il cellulare e chiamato i carabinieri. I tre truffatori, una donna di 45 anni, un'altra di 26 ed un giovane anch'esso 26 enne, si sono dati alla fuga. Il terzetto è stato però individuato poco distante, a Tovena, da una gazzella dei carabinieri. Sono stati identificati, si tratta di tre membri di una famiglia residente in provincia di Catania. Per tutti è scattata la denuncia per tentata truffa.