Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/341: COME FUNZIONA LA QUALYFING SCHOOL?

Alla scoperta dei tornei che promuovono alle competizioni maggiori


TREVISO - Questa settimana andiamo a vedere da vicino come funziona la “Qualifying School”, la serie di tornei dell’Alps Tour che promuovono i talenti mondiali a ottenere la “carta” che permette di partecipare alle competizioni, e come sono regolate le classifiche...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Anche a Treviso la mobilitazione ispirata dalla svedese Greta Thunberg

I "RAGAZZI VERDI" IN PIAZZA PER IL PIANETA

Studenti e attivisti in corteo per le vie del centro


TREVISO - I ragazzi verdi scendono in piazza anche a Treviso. In occasione della marcia mondiale del movimento Fridays for future, anche nel capoluogo della Marca, come in innumerevoli città del mondo, centinaia di studenti (e qualche adulto) hanno dato vita ad una manifestazione per sollecitare politiche ambientali più decise contro il cambiamento climatico, sull’esempio della sedicenne svedese Greta Thunberg, che ormai da mesi ogni venerdì dà vita ad un sit-in per chiedere azioni contro il riscaldamento globale.
A Treviso i giovani militanti sono partiti da via Roma, per poi attraversare il centro storico, lambendo piazza dei Signori: striscioni e cartelli per ricordare che non esiste “un pianeta B”, grandi mappamondi, segni verdi disegnati sul volto di molte ragazze. In piazzetta Indipendenza alcuni attivisti si sono sdraiati davanti al megastore Benetton, in segno di protesta – hanno spiegato – contro le multinazionali e lo sfruttamento delle risorse ambientali da queste prodotte. Il corteo si è concluso in piazza Santa Maria dei Battuti con gli interventi conclusivi dei promotori e l’appuntamento alla manifestazione di Roma del 23 marzo prossimo.


Galleria fotograficaGalleria fotografica