Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Parla il ragazzo del Burkina Faso insultato durante una partita di calcio.

ANDREW E QUEGLI INSULTI CHE L'ARBITRO NON HA SENTITO

"Vorrei che questa vicenda si chiudesse con le loro scuse"


Il 14 enne con Andrea Campolattano, responsabile del settore giovanile

TREVISO. "Ho deciso di tornare ad allenarmi perchè è l'unico modo per dimenticare in fretta e superare lo choc". Andrew (nome di fantasia) arriva al campo sportivo di Silea mezz'ora prima dei compagnia di squadra: "Speravo di diventare famoso come giocatore e non per quello che è successo in campo", dice accennando ad un sorriso. Andrew ha 14 anni, frequenta la prima superiore in un istituto tecnico ed è originario del Burkina Faso, domenica scorsa durante la partita del campionato Giovanissimi fra Treviso e Miranese è stato preso di mira da due avversari con minacce e frasi razziste.

Cosa è successo?

"Tutto è cominciato con un fallo di gioco e con l'avversario che mi dice "negro di m.", quella frase non l'ho sentita subito, è stato un mio compagno a riferirmela"

E' stato l'unico episodio?

"No, al rientro dagli spogliatoi per il secondo tempo si sono avvicinati in due, mi hanno ripetuto quella frase ed hanno aggiunto "adesso ti sotterriamo", poi hanno continuato a provocarmi per tutto il secondo tempo".
C'era anche i genitori sugli spalti che hanno sentito quelle frasi...

"Gli ho chiesto di ascoltare i genitori che chiedevano di smetterla con quelle brutte parole ma non mi hanno ascoltato, anzi uno di loro mi ha detto "dove sono i tuoi genitori, in Africa?". Sono state le parole che mi hanno ferito di più".

Tu come hai reagito?

"All'inizio ho pensato solo a giocare ma poi non ce la facevo più, ho atteso che l'arbitro fosse lontano e gli ho dato un pizzicotto sul fianco".

L'arbitro non ha visto nulla?

" Non ha visto il mio pizzicotto ma non ha nemmeno sentito quelle frasi nonostante il mio allenatore glielo avesse fatto presente durante l'intervallo".

Come vorresti finisse questa storia?

"Mi basterebbe una stretta di mano da parti di chi mi ha offeso o una telefonata di scuse, Il razzismo è anche frutto della maleducazione. Molto spesso noi ragazzi abbiamo davanti gli esempi negativi delle persone adulte".

 

Danilo Guerretta