Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, per˛, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il giudice sportivo sta ascoltando le due societÓ e poi trasmettera gli atti alla Procura federale

"SE I FATTI SARANNO ACCERTATI SERVE UNA PUNIZIONE"

La Figc assolve il direttore di gara


Il campo sportivo di Silea

TREVISO. "Offese ed insulti nei campi sportivi non sono più tollerabili a maggior ragione quelli a sfondo razzista ci stiamo muovendo per accertare quello che è accaduto". Giuseppe Ruzza è il presidente del comitato veneto della Figc, ha appena terminato una riunione al termine della quale due società di Promozione dovranno giocare i prossimi match a porte chiuse perchè dagli spalti sono volati pesanti insulti ai collaboratori degli arbitri. Ma sull'episodio avvenuto domenica scorsa nel Trevigiano è cauto perchè sul referto arbitrale non compare nulla.

Come farete ad accertare la verità?

"Non abbiamo potere ispettivo ma vogliamo sapere esattamente come sono andate le cose. Ci stiamo muovendo con le due società ma è prematuro dire qualcosa,. al termine delle nostre verifiche decideremo se delegare qualcuno che ha il potere di ricostruire la verità dei fatti".

Chi ha il potere di accertare i fatti?

"La Procura federale come è già successo in altre due occasioni, a Padova e Feltre. Sempre partite del settore giovanile dove qualcuno aveva sentito frasi contro i giocatori stranieri. Intervennero i genitori, qualcuno andò anche dall'avvocato ma alla fine la procura decise di non procedere".

Ma ci sono decine di persone che hanno sentito quelle frasi

"Io non c'ero, l'arbitro non le ha sentite. Non metto in dubbio che siano state pronunciate, dico solo che bisogna stare calmi perchè ci sono di mezzo alcuni ragazzini".

E' un problema degli arbitri troppo giovani e inesperti?

"Assolutamente no, i ragazzi che mandiamo sui campi di calcio sono istruiti e sanno come comportarsi, certo sono giovani ma non possiamo mandare gli arbitri di serie A nelle gare giovanili".

Potranno bastare le scuse di chi ha pronunciato quelle frasi?

"No, se è davvero successo credo che le scuse ed una stretta di mano tra i ragazzi non bastino. Se il giudice sportivo non può squalificarli mi auguro sia la società a prendere dei provvedimenti"

Quali potrebbero essere?

"Tenerli lontano dai campi da gioco per un certo numero di partite".

 

.

Danilo Guerretta