Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Pio X, Carlton e i nuovi cantieri a Treviso

INIZIA LA STAGIONE DEL RINASCIMENTO, NUOVO CORSO PER LA CITTA’

Federico Capraro (ASCOM) : “Treviso attrae, siamo pronti a fare la nostra parte”


Federico Capraro, neo presidente di Ascom Confcommercio

TREVISO. Dopo l’annuncio della vendita e della trasformazione dell’hotel Carlton, la posa della prima pietra della nuova ala del Pio X (ieri), gli annunci sui nuovi grandi investimenti immobiliari, i vari cantieri in corso (ex Provincia, ex Zanotti, ex Intendenza di Finanza, quasi ex Camera di Commercio, ex Israa, ex palazzo Zanon in Borgo Cavour), Federico Capraro, nuovo presidente di Ascom –Confcommercio Treviso non ha dubbi: “la stagione del risiko sta finendo, siamo di fronte ad un nuovo Rinascimento, ed i grandi vuoti creatisi con la delocalizzazione della Provincia al S. Artemio e la nascita dell’Appiani, si stanno colmando. L’importante è che questo Rinascimento sia architettonico (e non solo edilizio) sociale, culturale, economico. Che si parli il linguaggio della modernità, della sostenibilità, del rispetto dei luoghi, ma anche dell’inclusività. Per questo serve il contributo di tutti, categorie economiche, commercio, turismo e servizi in primis. Ogni riqualificazione porta vita, genera consumi, economia ed argina il degrado: noi siamo pronti a fare la nostra parte sostenendo, con la forza propositiva della nostre imprese del commercio e del terziario, il tessuto vitale ed economico della città. A nuovi insediamenti devono seguire nuovi servizi e nuovo commercio.”

“Quello che oggi conta- e di questo vorrei che tutti, Istituzioni, e cittadini, potrebbero assumerne piena consapevolezza- è che Treviso attrae gli investimenti, oltre che i nuovi turisti, ma deve mettere in moto politiche attive per attrarre anche cittadini, inquilini e residenti. Ha un patrimonio imprenditoriale umano di alto livello (ed il contributo di Alessandro Benetton alla cultura ed all’educazione lo dimostra), ma anche famiglie di albergatori lungimiranti capaci di proiettarci in una dimensione internazionale, europea, contemporanea necessaria allo sviluppo. E dagli investimenti nascono le vocazioni, si generano consumi e nuove economie”.

“Per questo motivo”- prosegue Capraro “non posso che ringraziare la famiglia Amadio, ex proprietaria dell’Hotel Carlton e ricordare la figura di Feliciano Amadio pioniere dell’intrattenimento e dell’ospitalità, che ha scritto una pagina importante del turismo e della cultura trevigiani, gestendo il biglietto da visita principale delle città, nel quadrante di ingresso, in anni in cui non c’erano i flussi turistici di oggi, non si parlava neanche dei week-end, ed in cui i cinema erano sale e non multisale. Ora, grazie alla famiglia Trevisanato, possiamo dire che il nostro storico proclama: non nuovi alberghi ma alberghi nuovi, diventa non solo concreto, ma anche risorsa per la città e l’intero territorio, che può guardare a testa alta l’Europa ed il mondo intero. La sensazione è quella – promettente - di ogni nuovo inizio, ora bisogna fare- tutti insieme - la differenza. Tra poco, non parleremo più di “ex” (contenitori), ma dei nuovi “co”: il suffisso del futuro, collaborazioni, coworking, cohousing”.