Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Anche Caritas, La Esse e Una casa per l'uomo non parteciperanno al bando

ACCOGLIENZA MIGRANTI, A RISCHIO I LAVORATORI DELLE COOPERATIVE

L'allarme per la societā che gestisce la caserma Serena


TREVISO - Si abbatte la scure del Decreto Sicurezza sui centri di accoglienza della Marca: i sindacati lanciano l'allarme per probabili esuberi per i lavoratori della Nova Facility di Treviso, azienda che gestisce i servizi alle Caserma Serena di Casier e Zanusso di Oderzo e il centro accoglienza di Vittorio Veneto. Mentre anche Caritas Tarvisina e le cooperative La Esse e Una casa per l’uomo hanno annunciato l'intenzione di non partecipere alla gara della Prefettura di Treviso per l’assegnazione del servizio di accoglienza e assistenza dei cittadini stranieri in provincia di Treviso.
La possibilità di licenziamenti alla Nova Facility è emersa dopo l’incontro tenutosi lunedì 15 aprile, nella sede trevigiana di Assindustria tra le organizzazioni di categoria FP CGIL di Treviso e FISASCAT CISL di Belluno Treviso con la società.
L’applicazione del Decreto Sicurezza, fissata per il 1° maggio, rischia di comportare una riduzione dei posti di lavoro dei 102 operatori. Al fine di salvaguardare i lavoratori, i Sindacati hanno subito chiesto con urgenza la procedura di applicazione del FIS (Fondo di Integrazione Salariale) fino a fine maggio per sostenere il reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività dei dipendenti. Un periodo che permetterà alle Parti Sociali di approfondire tutti i dettagli e, condizioni permettendo, di arrivare a un accordo.
FP CGIL di Treviso e FISASCAT CISL di Belluno Treviso, inoltre, hanno convocato per venerdì 19 aprile alle ore 12.30 a Treviso e martedì 23, sempre alla stessa ora, due assemblee dei lavoratori per spiegare la vertenza e confrontarsi sulla sua gestione.
“C’è molta preoccupazione per l’impatto del Decreto Salvini sul sistema di accoglienza e, in particolare, sui livelli occupazionali - afferma Marta Casarin della Fp Cgil Treviso -. Dal 1° maggio, cooperative, associazioni e imprese impegnate nel settore subiranno una sforbiciata dei fondi per i servizi offerti, taglio che potrebbe far perdere il posto ai lavoratori trevigiani e che mette a rischio la tenuta dell’intero sistema”.
“Ci siamo mossi immediatamente - aggiunge Edoardo Dorella, segretario generale della Fisascat Cisl Belluno Treviso - per gestire la difficoltà di questo momento e richiedere l’attivazione di ammortizzatori sociali che diano risposte ai lavoratori e alle loro famiglie, che stanno vivendo una fase di grande incertezza. Pensiamo a loro, ma anche a coloro che non riceveranno più servizi e professionalità”.