Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/264: PIERO TARUFFI, L'"UOMO FRECCIA"

Un evento alla Montecchia celebra l'ingegnere- pilota


PADOVA - Atleti, piloti, e Vip al Golf della Montecchia, sabato 25 maggio, a celebrare Piero Taruffi, la “Volpe argentata”. L’evento, nella sua terza edizione, intende essere una giornata di celebrazione dell’indimenticabile pilota. Ci sarà il concorso di eleganza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In manette un commerciante che vantava un credito

AGGREDISCE IL SOCIO CON UN TASER E TENTA DI UCCIDERLO

Arrestato a casa sua a Pieve di Soligo


L'aggressione si è consumata venerdì scorso, nei pressi del casello autostradale di dell'A14 a Lanciano, in Abruzzo. Antonio Fabiane, 51enne di Pieve di Soligo che lavora nel settore delle slot machine, ha dato appuntamento al socio, un abruzzese di 56 anni, per risolvere la questione del debito che quest'ultimo aveva nei suoi confronti: un affare finito male in Brasile che pare ammontasse a 100 mila euro. Un agguato che però non è andato come avrebbe voluto: il pievigino avrebbe aggredito il socio colpendolo più volte con un taser per stordirlo con scariche elettriche, per poi picchiarlo e legargli i polsi con delle fascette da elettricista. La vittima però, di corporatura robusta, ha reagito chiedendo aiuto e attirando l'attenzione di altri automobilisti che l'hanno subito soccorso.
Fabiane è risalito di corsa sul suo furgone doblò ed è fuggito, per poi essere arrestato nella notte dai carabinieri a casa sua, a Pieve di Soligo. Prove schiaccianti che confermano la versione del socio abruzzese, i vestiti sporchi di sangue e il doblò. Due costole rotte e un trauma cranico per la vittima, e 30 giorni di prognosi.