Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL CIELO, IL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il settore conta oltre 4mila aziende e 2,2 miliardi di export

BARBARA MINETTO ALLA GUIDA DELLE IMPRESE DEL LEGNO ARREDO DI PADOVA E TREVISO

Eletta presidente del gruppo di Assindustria Venetocentro


TREVISO - Sarà Barbara Minetto a guidare il Gruppo Legno - Arredamento di Assindustria Venetocentro, l'associazione degli industriali di Treviso e Padova. L'assemblea dell'organismo, tenutasi a Palazzo Palazzo Giacomelli, l'ha eletta all’unanimità presidente per il quadriennio 2019-2023. Entrerà in carica formalmente dall’assemblea generale dei soci di Assindustria, prevista il prossimo 6 giugno.
Barbara Minetto opera nella Direzione e marketing di Magis S.p.A., azienda fondata a Motta di Livenza e protagonista internazionale nel design con prodotti iconici. Ricopre incarichi direttivi in Assarredo, Federlegno Arredo e in Fondazione ADI.
Nel settore del legno-arredamento tra Treviso e Padova operano 4.144 imprese per oltre 27.200 addetti. Nel 2018 il comparto locale ha venduto all'estero prodotti per  2,2 miliardi di euro nel 2018 rappresentando la seconda voce dell’export complessivo delle due province Accanto a mercati consolidati come quelli europei (Germania e Francia su tutti), lo sviluppo più rilevante degli ultimi anni si è indirizzato in particolare verso gli Stati Uniti, il Canada e anche la Cina mentre in crescita, sia pure con numeri ancora ridotti, sono i flussi verso l’Africa.
L’assemblea si è tenuta a pochi giorni dal Salone del Mobile di Milano al quale hanno partecipato numerose aziende associate e ha registrato un record di visitatori e di attenzione a livello mondiale. Il legno arredamento è uno degli ‘ambasciatori’ del Made in Italy declinato sempre più nel segno della sostenibilità che è stato il motivo conduttore della parte pubblica. Nel corso dell’assemblea si è tenuto, infatti, l’incontro “Sostenibilità: fattore di competitività per le imprese del legno-arredamento”, tema di grande attenzione anche al Salone del Mobile.
I lavori sono stati aperti dall’intervento di Maria Cristina Piovesana, Presidente Vicario di Assindustria Venetocentro, di Denise Archiutti e di Mauro Longo, Presidenti uscenti del Gruppo Legno-Arredamento di Assindustria Venetocentro rispettivamente per Treviso e per Padova. Nella tavola rotonda sono intervenuti Laura Badalucco Coordinatore del master in Design per l’economia circolare allo Iuav di Venezia, Sebastiano Cerullo Direttore generale Federlegno-Arredo, Carlos Veloso dos Santos Direttore generale Amorim Cork Italia SpA di Conegliano, Giuseppe Fagnelli Ufficio normativa Federlegno-Arredo, Marco Montanini Director Pwc e Pierluigi Zamò, Presidente Ilcam SpA di Cormons. Ha coordinato i lavori il giornalista Cesare Granati.