Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/282: LA SOLHEIM CUP 2019 PRENDE LA VIA DELL'EUROPA

La squadra del Vecchio Continente si impone sugli Usa nel massimo torneo femminile


GLENEAGLES  (SCOZIA) - La Solheim Cup è la massima espressione del golf delle donne, la sfida al femminile della Ryder Cup, rispetto a cui ha una storia più recente. Ha preso il nome dall’ideatore del torneo, Karsten Solheim, noto fabbricante di attrezzi sportivi conosciuti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/281: LE PROMESSE DEL GOLF EUROPEO FEMMINILE A VILLA CONDULMER

La padovana Benedetta Moresco trionfa all'Internazionale under 18


MOGLIANO VENETO - È il secondo anno consecutivo che Golf Villa Condulmer ospita questo importante campionato, l’Internazionale femminile under 18; da qui, spunteranno le future Campionesse del Tour europeo. Ben dodici le nazioni partecipanti, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Croazia,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/280: OMEGA MASTERS, UN CLASSICO TRA LE ALPI

Nove gli italiani al torneo dell'European Tour


CRANS MONTANA (SVIZZERA) - L’Omega Masters è uno dei tornei classici dell’European Tour. La storia di questo torneo, seppur con diverso nome (all’epoca Swiss Open), risale al 1905. È la tappa svizzera del tour europeo del golf maschile professionistico, in cui si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due fratelli di Castelfranco con la passione per la danza sono approdati a Stoccarda e Lubiana

DANIELE E LORENZO, BALLI IN EUROPA

Lavorano in due delle compagnie di danza più prestigiose sulla scena mondiale


Daniele e Lorenzo assieme CASTELFRANCO. Una passione per due: la danza. Daniele e Lorenzo Silingardi, 24 e 22 anni, sono i fratelli ballerini di Castelfranco Veneto. Hanno studiato danza classica nella scuola Il Balletto di Castelfranco diretta da Susanna Plaino e ora lavorano a Stoccarda e Lubiana, per due compagnie tra le più prestigiose sulla scena mondiale. Dopo tanta gavetta la decisione di seguire le stesse orme fino a spiccare il volo. Oggi vestono i panni di principi e corsari, raccontando i sentimenti con l'arte del balletto. «Ho capito che la danza poteva essere la mia strada all'età di diciassette anni, quando ho deciso di trasferirmi a Londra, dove ho vissuto per sei anni studiando alla Royal Ballet School e poi all'English National Ballet» racconta Daniele. La svolta nel 2017 quando è approdato in Germania per lavorare al Balletto di Stoccarda (Stuttgart Ballet), una delle compagnie più importanti del momento. Oggi Daniele è tra gli interpreti della Dama delle Camelie di John Neumeier, liberamente ispirata al celebre romanzo di Alexandre Dumas e resa con una coreografia che esalta la grande storia d'amore letteraria. «Nella Dama delle Camelie sono Gaston, un giovane allegro e scanzonato, è un ruolo solistico molto divertente da ballare. Un altro personaggio che mi è rimasto nel cuore è Paride in Romeo e Giulietta, e poi un pezzo di trenta minuti firmato da John Neumeier che ho fatto a scuola, tanto difficile quanto bello» spiega Daniele. In cantiere una nuova produzione: Mayerling, la splendida coreografia di Kenneth MacMillan del Royal Ballet che narra del principe Rodolfo, tormentato erede al trono degli Asburgo, e della sua giovane amante, la baronessa Maria, tra mille intrighi amorosi e politici. «La mia giornata tipo inizia alle 10.30 e finisce alle 18.30, si procede a oltranza fino alle 22 se c'è uno spettacolo serale. Servono grande costanza e determinazione, ma ne vale la pena» dice Daniele. A 700 chilometri da lui, in Slovenia, si trova il fratello Lorenzo. Ha iniziato a studiare danza all'età di 3 anni al Balletto e oggi è demi-soloist nel corpo di ballo della SNG Opera in Balet di Lubiana che accoglie artisti dai cinque continenti. «È il mio secondo anno a Lubiana, dove sto lavorando su Giselle, l'apoteosi del romanticismo -racconta Lorenzo- La preparazione fatta in Italia è stata fondamentale, al Balletto ho imparato la tecnica ma anche il “codice di comportamento” che serve per lavorare in una compagnia e stare sul palco. L'anno scorso ho vissuto il passaggio da studente a professionista, firmare il mio primo contratto di lavoro è stato davvero appagante». Alle spalle tanto impegno, numerosi concorsi, la svolta al Prix de Lausanne in Svizzera, dove Lorenzo riceve una borsa di studio per la Royal Ballet School di Londra, l'avvio della sua carriera. Va di pari passo il suo impegno per il progetto fundballet.com una piattaforma di crowdfunding pensata per sostenere i giovani ballerini e portare la danza nei luoghi dove non si è ancora affermata.  A unire Daniele e Lorenzo i grandi occhi azzurri ereditati dalla madre che è la direttrice della scuola castellana. «Come fratelli siamo due personalità differenti ma complementari» aggiunge Lorenzo. «È bello avere qualcuno a te caro con cui condividere le proprie esperienze- conclude Daniele- Quando riusciamo a incontrarci facciamo lezione assieme e ci paragoniamo in maniera salutare, senza competizione. È meraviglioso essere fratelli nella passione per la danza».

 

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica