Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Spettacolo con il corteo con cento figuranti

VENEZIA CELEBRA IL SUO PATRONO E LE SUE RADICI

La Festa di San Marco nella piazza a lui intitolata


VENEZIA - Rievocazioni storiche, musica, danze e spettacoli, bandiere con il Leone alato, una piazza San Marco gremita. Venezia festeggia il suo santo patrono, nel giorno della sua ricorrenza con una manifestazione pubblica nel luogo simbolo della città.
Ad aprire la quarta edizione dell’Elogio a San Marca il corteo con più di un centinaio di figuranti, tra i militari nelle uniformi storiche dei vari reparti della Serenissima, musicisti e ballerini in costume settecentesco e il Gruppo Abiti Tradizionali Veneti con le insegne di ogni capoluogo dello Stato da Tera della Repubblica Veneta, Istria compresa. Altro momento altamente spettacolare la battaglia a suon di pugni tra le due fazioni della città, i Nicolotti e i Castellani (ovviamente si tratta di una ricostruzione scenica, grazie a praticanti di arti marziali).
Un evento, patrocinato dal Comune di Venezia, senza nostalgie o rivendicazioni politiche, ma nel solco, oltre che della religiosità popolare, del patrimonio storico e culturale eredità della millenaria civiltà della Serenissima, come ricorda Giovanni Giusto, consigliere comunale con delega alle tradizioni e anima dell’iniziativa.  E alla fine due è risuonato la tradizionale esclamazione: "Par tera e par mar, viva San Marco!".