Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione della polizia tra Veneto e Friuli. La base era nel Coneglianese

FURTI E RAPINE, PRESA LA BANDA

Decine di colpi in case e ville recuperata refurtiva per due milioni


CONEGLIANO. La loro base operativa era nel Coneglianese, tre banditi albanesi sono stati arrestati dalla squadra mobile di Pordenone e sono accusati di decine di furti e rapine a Nordest. Sono tre uomini tra i 27 ed i 35 anni con domicilio a Conegliano, già noti alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio. Nell'ordinanza di custodia cautelare eseguita questa mattina il gip evidenzia come "i delitti consumati sono sintomo che gli indagati non sono capaci di governare le loro azioni criminali. Sono tre malavitosi disoccupati che all'evidenza traggono dai furti il necessario per il loro sostentamento". Dei veri e propi ladri compulsivi che sono accusati di 33 furti pluriaggravati. Nelle loro dispinibilità c'erano armi e munizioni. Inoltre la polizia ha sequestrato contante, gioielli e lingotti d'oro per 2 milioni di euro.