Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Miglioramento tra sabato e domenica, ma ancora forte varabilità

PIOGGIA E GRANDINE FLAGELLANO LA PEDEMONTANA

Colpita la fascia dalla Castellana al Vittoriese


TREVISO - Un’ondata di maltempo, con grandinate e temporali, si è abbattuta venerdì sera su gran parte della fascia pedemontana del Veneto. Particolarmente colpiti il Bassenese e l’Alto Vicentino e la area collinare della Marca trevigiana.
In provincia di Vicenza, tra Schio, Malo, Brogliano, ma soprattutto nell’area di Bassano del Grappa, intorno alle 19, in pochi minuti i chicchi di grandine hanno ricoperto strade e campi . «Da una prima stima – commentano dalla Coldiretti provinciale- i danni più ingenti sembrerebbero riguardare il mais, appena germogliato, mentre gli asparagi sono quasi sicuramente salvi. Dovremo attendere i prossimi giorni invece per poterci esprimere relativamente alla situazione di ulivi e ciliegi, anche se non sono da escludere danni a queste colture».
La violenta precipitazione si è poi spostata nella Marca, investendo in special modo, tra le 20 e le 21, la parte centro-settentrionale, dall’Alta Castellana a tutto il Vittoriese. Da Maser ad Asolo da Follina a Vidor, Pieve di Soligo e Valdobbiadene, il manto di grandine a terra ha raggiunto anche i 20 centimetri, come un nevicata fuori stagione. A Monfumo si è verificata anche una piccola frana. Pioggia e forte vento in serata anche sul capoluogo Treviso. Per tutta la nottata i vigili del fuoco sono stati impegnati in vari interventi, anche per liberare le strade da piante e rami abbattuti dalle folate.
Dalle prime ore di questa mattina gli uomini dell’Agenzia Veneta per i Pagamenti in Agricoltura, insieme al direttore Fabrizio Stella, sono nelle aree della Pedemontana veneta per una prima verifica dei danni subiti dalle coltivazioni e dal settore agricolo. Il presidente Luca Zaia ha già firmato il decreto per lo stato di emergenza per i danni che hanno interessato opere pubbliche del territorio.
Per oggi e domani il meteo è in miglioramento, secondo l’Arpav, anche se sono previste ancora condizioni di forte variabilità, con cielo nuvoloso alternato a schiarite e la possibilità di precipitazioni, da sparse a diffuse, soprattutto nella prima parte di domenica.

Galleria fotograficaGalleria fotografica