Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Miglioramento tra sabato e domenica, ma ancora forte varabilità

PIOGGIA E GRANDINE FLAGELLANO LA PEDEMONTANA

Colpita la fascia dalla Castellana al Vittoriese


TREVISO - Un’ondata di maltempo, con grandinate e temporali, si è abbattuta venerdì sera su gran parte della fascia pedemontana del Veneto. Particolarmente colpiti il Bassenese e l’Alto Vicentino e la area collinare della Marca trevigiana.
In provincia di Vicenza, tra Schio, Malo, Brogliano, ma soprattutto nell’area di Bassano del Grappa, intorno alle 19, in pochi minuti i chicchi di grandine hanno ricoperto strade e campi . «Da una prima stima – commentano dalla Coldiretti provinciale- i danni più ingenti sembrerebbero riguardare il mais, appena germogliato, mentre gli asparagi sono quasi sicuramente salvi. Dovremo attendere i prossimi giorni invece per poterci esprimere relativamente alla situazione di ulivi e ciliegi, anche se non sono da escludere danni a queste colture».
La violenta precipitazione si è poi spostata nella Marca, investendo in special modo, tra le 20 e le 21, la parte centro-settentrionale, dall’Alta Castellana a tutto il Vittoriese. Da Maser ad Asolo da Follina a Vidor, Pieve di Soligo e Valdobbiadene, il manto di grandine a terra ha raggiunto anche i 20 centimetri, come un nevicata fuori stagione. A Monfumo si è verificata anche una piccola frana. Pioggia e forte vento in serata anche sul capoluogo Treviso. Per tutta la nottata i vigili del fuoco sono stati impegnati in vari interventi, anche per liberare le strade da piante e rami abbattuti dalle folate.
Dalle prime ore di questa mattina gli uomini dell’Agenzia Veneta per i Pagamenti in Agricoltura, insieme al direttore Fabrizio Stella, sono nelle aree della Pedemontana veneta per una prima verifica dei danni subiti dalle coltivazioni e dal settore agricolo. Il presidente Luca Zaia ha già firmato il decreto per lo stato di emergenza per i danni che hanno interessato opere pubbliche del territorio.
Per oggi e domani il meteo è in miglioramento, secondo l’Arpav, anche se sono previste ancora condizioni di forte variabilità, con cielo nuvoloso alternato a schiarite e la possibilità di precipitazioni, da sparse a diffuse, soprattutto nella prima parte di domenica.

Galleria fotograficaGalleria fotografica