Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/268: L'U. S. OPEN METTE IN PALIO LA LEADERSHIP MONDIALE

Trionfa Gary Woodland, a Molinari non riesce la rimonta


PEBBLE BEACH (USA) - È il terzo major stagionale americano, ha luogo a Pebble Beach Golf Links in California, una delle maggiori sedi di Golf nel mondo. Sono due gli azzurri a disputare questo importante torneo. Francesco Molinari è affiancato da Renato Paratore, il giovane romano che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lo ha scritto Claudio Provedel, direttore artistico del coro Ana di Oderzo

212: UN CANTO PER IL GENERALE IROSO

Verrà eseguito per la prima volta il 24 maggio nella stalla dove Iroso è vissuto per 25 anni


VITTORIO VENETO. Il "Generale" Iroso ha la sua canzone. E' una sorta di inno all'ultimo mulo alpino quello scritto e messo in musica da Claudio Prevedel, direttore artistico del coro Ana di Oderzo. Il canto verrà eseguito per la prima volta proprio il prossimo 24 maggio, presso la "casa" di Iroso, a Cappella Maggiore dove il mulo matricola 212 era arrivato nel 1994 dopo che Antonio de Luca lo aveva acquistato ad un asta per un milione e 250 mila lire, evitando che finisse al macello. Ecco il testo del canto:



212
(General Iroso)

General Iroso, uno come te
forte e generoso, altro non ce n’è,
sei rimasto il solo, l’ultimo del coro
dei giganti buoni, ragli canti e suoni.
General Iroso, uno come te
forte e generoso altro non ce n’è,
carico cammini insieme a noi Alpini
buono e silenzioso, General Iroso.
Porti fiero nelle prue
delle zampe il due uno due,
con il basto e le bardelle
tu “soldato” sei.
General Iroso!
Ma un giorno poi ti trovasti già grande
quando pei monti c’era odor settembrino,
“grandi dottori” ma non in ateneo
giocan la tua sorte e di amici come Leo.
Ma quando poi si sentì uno strano suono
giunse in aiuto il buon Toni, nobil uomo,
che con bontà e una mossa ben riuscita
lui con amore ti portò a nuova vita.
General Iroso, uno come te
forte e generoso, altro non ce n’è,
sei rimasto il solo, l’ultimo del coro
dei giganti buoni, ragli canti e suoni,
carico cammini insieme a noi Alpini
buono e silenzioso, General Iroso!

Provedel Claudio