Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/268: L'U. S. OPEN METTE IN PALIO LA LEADERSHIP MONDIALE

Trionfa Gary Woodland, a Molinari non riesce la rimonta


PEBBLE BEACH (USA) - È il terzo major stagionale americano, ha luogo a Pebble Beach Golf Links in California, una delle maggiori sedi di Golf nel mondo. Sono due gli azzurri a disputare questo importante torneo. Francesco Molinari è affiancato da Renato Paratore, il giovane romano che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'azienda è leader nella produzione di componenti in carbonio

NOVATION TECH, VOLANO FATTURATO E ASSUNZIONI

180 assunti in un anno: "Ricollochiamo gli operai del tessile di Montebelluna"


MONTEBELLUNA - Sono numeri record quelli con cui si è chiuso il bilancio di Novation Tech, azienda con sede a Montebelluna specializzata nella produzione di componenti di alta qualità in carbonio. Il fatturato 2018 ha superato i 39 milioni di euro, in crescita del 51% rispetto al 2017, con un ebitda superiore al 10%.
L’azienda è gestita dal 2007 da Luca Businaro, sotto la cui guida è passata da azienda di stampaggio plastico ad azienda leader nella produzione di componenti in carbonio e materiali compositi. Oggi Novation è tra le prime aziende in Italia e tra le prime cinque in Europa nella lavorazione dei materiali compositi, punto di riferimento per i grandi marchi internazionali dell’automotive alla ricerca di componenti di altissima qualità, sia tecnica che estetica. Spiega Businaro: “Oggi il carbonio è l’oggetto del desiderio di tutti i produttori di alta gamma, ma è un prodotto delicato e molto costoso, e non è così facile trovare chi lo sappia lavorare. Noi abbiamo usato le competenze del territorio in termini di lavorazione delle materie plastiche integrandole con le migliori tecnologie a disposizione nella lavorazione del carbonio. Abbiamo 12 brevetti di processo che ci garantiscono di ottenere i migliori risultati sia in termini qualitativi che in termini di velocità di consegna.”
Oggi Novation Tech lavora con tutti i grandi marchi del mercato dell’automotive, come Ferrari, BMW, McLaren, Lamborghini, per cui produce soprattutto sedili, componenti interne e parti di carrozzeria, ma opera anche per il mondo dell’occhialeria e lo Sportsystem (selle da bicicletta, piastre per gli sci, suole per scarpe sportive ecc).
Altro elemento chiave nel settore è la manodopera. La fase di “laminazione del carbonio” richiede un’abilità artigianale e in questo l’azienda ha trovato negli operai specializzati nel settore tessile una competenza che si adatta perfettamente a queste lavorazioni. Novation è un’azienda ad alto tasso di manodopera: occupa infatti 296 persone nella sede di Montebelluna, 180 sono neo assunti dell’ultimo anno. A questi si aggiungono quasi 400 collaboratori in uno stabilimento di proprietà in Ungheria.
A Treviso sono 192 gli operai specializzati, per il 43% donne, impiegati in un lavoro certosino necessario a modellare a mano gli strati di carbonio sullo stampo, con una precisione che viene acquisita solo dopo diversi mesi di formazione. Il settore si caratterizza per una cura maniacale del dettaglio: non è accettata nessuna imperfezione nella modellazione del materiale, perché la caratteristica trama del carbonio è un elemento dal grande valore anche estetico, che spesso viene lasciato “a vista”. Continua Businaro: “Lo sviluppo dell’azienda a Montebelluna non è casuale: qui possiamo beneficiare della manodopera specializzata nei settori tessile e delle materie plastiche che, dopo anni di profonda crisi, trova così una ricollocazione in un ambito completamente diverso eppure affine".