Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualitā
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, Č 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/338: ALL'ASOLO GOLF IL TROFEO CA' DEL POGGIO

Evento tra sport, musica e convilitā, con star Mal dei Primitives


SAN PIETRO DI FELETTO - Una partita di Golf coronata da una gustosissima serata. Centoquattro hanno partecipato alla gara: musicisti, cantanti o semplicemente amanti della musica, al seguito di Paul Bradley Couling, in arte Mal dei Primitives. Era la tappa finale del Challenge AICMG,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Domenica alle 16 una messa e la festa alla Chiesa Votiva di Treviso

DON ERNESTO, UNA FESTA PER I 100 ANNI

E' il decano dei sacerdoti della Diocesi


TREVISO. Il prossimo 12 maggio Don Ernesto Soligo compie 100 anni. E’ il decano della Diocesi. Originario di Trevignano è sacerdote diocesano dal 5 luglio 1942 e dal 1959 membro della Comunità Sacerdoti Oblati di Treviso. Da qualche anno, per motivi di salute, è residente presso la Casa del Clero diocesana. “Don Ernesto”, così è sempre stato chiamato da generazioni e generazioni di giovani, sia studenti delle scuole - in particolare dell’ Istituto Geometri Palladio – sia “amici” che lo raggiungevano presso il suo piccolo studio presso il Centro studentesco di via San Nicolò e negli ultimi alla Chiesa Votiva. Un flusso continuo per decenni di giovani e meno giovani, di diseredati e di benestanti, tutti a confidarsi con lui, a farsi confessare, a ricevere una parola buona, a ricevere magari un aiuto materiale e spesso anche in denaro (e lui si privava anche del necessario…). Tale fiume andava di pari passo con la sua capacità di aggregare, di creare e animare gruppi giovanili in ogni dove, con un peregrinare continuo in tanti paesi e parrocchie, sempre con un “autista” pronto a scorrazzarlo qua e là...

Fra i tanti gruppi il suo “Agape”, fucina di idee, esperienze, amicizie e antesignana delle moderne tecnologie comunicative con il giornalino “La rete”. Un titolo quasi profetico… E poi la Federazione provinciale studenti F.P.S., laboratorio di partecipazione che ha offerto poi alla politica ed al sociale tante risorse umane. Ed ancora il Gruppo Ricerca Informazione Socio-religiosa GRIS, le tante assistenze spirituali (carcere, ciechi, sordomuti, ospedale psichiatrico) ecc.

E gli appuntamenti per decenni e decenni dell’8 dicembre alla Rocca di Cornuda, i corsi prematrimoniali, le centinaia e centinaia di coppie sposate e seguite nel percorso di vitA.

Ma il tratto che rendeva unica la visita nel suo studio era la frase sul muro alle sue spalle “Ognuno è artefice della sua fortuna” come a dire che ognuno deve essere protagonista della sua vita ed era il messaggio che trametteva a tutti, proprio tutti, anche chi si dibatteva nella droga, nel malaffare, nella povertà, nel disagio…

E di fronte a lui le foto dei “suoi” ragazzi andati avanti. Centinaia di foto a ricordare ognuna un vissuto, un dramma, una “vita”, per lui ogni foto era un unicum importante e caro.

E la sua innata capacità di comunicare e scrivere, diverse sono le sue pubblicazioni, con il suo linguaggio semplice ed immediato, ma profondo ed essenziale. Come lo erano puntuali i suoi biglietti di auguri per il Natale o per la Pasqua. Mai banali, anzi sempre acuti. Per festeggiare il compleanno tutti sono invitato domenica 12 maggio alle 16 alla Chiesa Votiva di Treviso per una messa "speciale".