Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/286: L'OPEN D'ITALIA PER LA PRIMA VOLTA PARLA AUSTRIACO

All'Olgiata si impone Bernd Wiesberger, sotto tono Chicco Molinari


ROMA - Eccoci giunti al più grande appuntamento italiano dell’anno con il Golf: la 76esima edizione dell’OPEN D’ITALIA. A ospitarla è l’Olgiata Golf Club di Roma,nel percorso di gara, par 71, su quei terreni dove pascolava Ribot; un Open da gustare dalla...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/285: JON RAHM PROFETA IN PATRIA

L'iberico trionfa per la seconda volta nell'Open di Spagna


MADRID - L’European Tour arriva in Spagna, fa tappa al Club de Campo di Madrid, dove si disputa il Mutuactivos Open de España, una settimana prima dell’evento italiano. Sette sono gli azzurri in gara, tutti tesi a trovare il ritmo da dimostrarepoi a Roma, per l’Open...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/284: TURKISH AIRLINES CUP, RAFFINATA PROMOZIONE SPORTIVA

La tappa veneta del torneo voluto dalla compagnia aerea


ASOLO -  Una raffinata giornata, questo torneo di Golf amatoriale. È la tappa veneziano del Campionato che Turkish Airlines promuove nei quattro Continenti. È di qualificazione, introduttivo al gran finale che verrà disputato a Belek, in Turchia, dal prossimo sabato 2 alla...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La vittima aveva versato 2500

TRUFFA DEL POSTAMAT, 28 ENNE INCASTRATO

La polizia ha individuato il truffatore originario della Russia


TREVISO. Al termine di un’attività di indagine, la Squadra Mobile, ha denunciato un 28 enne di origini russe residente nel montebellunese, responsabile di una truffa perpetrata col cosiddetto ed ormai consolidato sistema delle ricariche PostePay.

Nella fattispecie l’inserzionista, dopo aver posto in vendita “una piastra in vetro ceramica per cucinare”, era stato contattato dal finto acquirente, il quale, mostrandosi particolarmente interessato, era riuscito a convincere il venditore a recarsi, al fine di ottenere il pagamento dell’oggetto, presso uno sportello Postamat (ATM), ed effettuare una serie di operazioni, che in realtà andavano a ricaricare dell’importo di 2500 euro la postpay del malfattore. A seguito dell’ attività di indagine, personale della squadra mobile, ha identificato e deferito il ventottenne.

La Polizia segnala alla cittadinanza questo nuovo modus operandi con cui i malfattori hanno ideato un sistema di “truffe invertite o capovolte”. La Questura di Treviso raccomanda di prestare sempre la massima attenzione di non effettuare operazioni di questo tipo, chiamando in casi di dubbio le Forze di Polizia.