Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/286: L'OPEN D'ITALIA PER LA PRIMA VOLTA PARLA AUSTRIACO

All'Olgiata si impone Bernd Wiesberger, sotto tono Chicco Molinari


ROMA - Eccoci giunti al più grande appuntamento italiano dell’anno con il Golf: la 76esima edizione dell’OPEN D’ITALIA. A ospitarla è l’Olgiata Golf Club di Roma,nel percorso di gara, par 71, su quei terreni dove pascolava Ribot; un Open da gustare dalla...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/285: JON RAHM PROFETA IN PATRIA

L'iberico trionfa per la seconda volta nell'Open di Spagna


MADRID - L’European Tour arriva in Spagna, fa tappa al Club de Campo di Madrid, dove si disputa il Mutuactivos Open de España, una settimana prima dell’evento italiano. Sette sono gli azzurri in gara, tutti tesi a trovare il ritmo da dimostrarepoi a Roma, per l’Open...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/284: TURKISH AIRLINES CUP, RAFFINATA PROMOZIONE SPORTIVA

La tappa veneta del torneo voluto dalla compagnia aerea


ASOLO -  Una raffinata giornata, questo torneo di Golf amatoriale. È la tappa veneziano del Campionato che Turkish Airlines promuove nei quattro Continenti. È di qualificazione, introduttivo al gran finale che verrà disputato a Belek, in Turchia, dal prossimo sabato 2 alla...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mario Conte si allinea alla baglia del ministro Matteo Salvini

IL SINDACO CONTRO I "CANNABIS SHOP"

"La droga non è light, non è aggregazione e non è divertimento".


TREVISO. Anche il sindaco di Treviso Mario Conte dichiara "guerra" ai "cannabis hop", ovvero i negozi che vendono legalmente la cannabis. "Sostengo con forza la battaglia del Ministro dell’Interno Matteo Salvini per la chiusura di tutti i “cannabis shop” che non fanno altro che incentivare il consumo di sostanze illegali", scrive il sindaco in un post. "In un momento storico in cui si è abbassata l’età media di primo consumo di stupefacenti e in cui i giovani hanno facile accesso allo “sballo”, è necessario bloccare la diffusione di questi negozi che risultano essere un primo e pericoloso approccio all’illegalità. La droga non è "light", non è aggregazione e non è divertimento: è soltanto distruzione".