Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/268: L'U. S. OPEN METTE IN PALIO LA LEADERSHIP MONDIALE

Trionfa Gary Woodland, a Molinari non riesce la rimonta


PEBBLE BEACH (USA) - È il terzo major stagionale americano, ha luogo a Pebble Beach Golf Links in California, una delle maggiori sedi di Golf nel mondo. Sono due gli azzurri a disputare questo importante torneo. Francesco Molinari è affiancato da Renato Paratore, il giovane romano che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lo studio del Ciset evidenzia il boom delle tendenze "slow"

MARE, NATURA E GASTRONOMIA: GLI STRANIERI IN VACANZA IN VENETO

Turismo internazionale cresce del 3,% nel 2018, in frenata


TREVISO - Il mare e le città d'arte continuano ad essere i più gettonati, ma i turisti stranieri vengono in Veneto sempre più per vacanze slow, nella natura, alla ricerca dell'enogastronomia e dei prodotti tipici.
Le tendenze sono state messe in luce nella 19esima conferenza "L'Italia e il turismo internazionale", promossa dal Centro internazionale di studi e dell'economia turistica (Ciset) dell'università Ca' Foscari, di Venezia, in collaborazione con Banca d'Italia. L’evento si inserisce nel programma di appuntamenti culturali organizzati per festeggiare il venticinquennale della presenza nel capoluogo della Marca del campus dell’ateneo veneziano (in cui da quest’anno si è insediato anche il Ciset stesso) 
Nel 2018 i visitatori provenienti dall'estero hanno speso in regione 6,1 miliardi di euro. Importo in aumento del 3,8% sul 2017, seppur più contenuto rispetto all'8,4% registrato nell'anno precedente. Il Veneto comunque, continua a rappresentare circa il 15% dell’intero giro d’affari (41,7 miliardi) del turismo internazionale in Italia.
In media ognuno di questi turisti ha sborsato 105 euro al giorno, un paio di euro in più dell'anno prima, conto un dato medio nazionale di 108 euro.
Le destinazioni culturali attraggono 2,9 miliardi, in crescita dell'1,7%, mentre spiagge e località balneari registrano un boom, in termini di valori, a due cifre, raggiungendo 1,2 miliardi di euro. E si incrementa di oltre il 20% anche il volume economico della vacanza verde, attiva e di degustazione con una spesa media giornaliera pro capite di 143 euro per la sola componente gastronomica.
Il mercato di riferimento resta quello tedesco: 1,2 miliardi, più 8,6%, un quinto di tutta la spesa turistica della Germania in Italia. Bene pure francesi, britannici, statunitensi e cinesi: questi ultimi sborsano in Veneto 187 euro, ben di più dei 176 riferiti alla media di tutto il Belpaese, compensando, almeno in parte, il calo del turismo russo e brasiliano.