Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/264: PIERO TARUFFI, L'"UOMO FRECCIA"

Un evento alla Montecchia celebra l'ingegnere- pilota


PADOVA - Atleti, piloti, e Vip al Golf della Montecchia, sabato 25 maggio, a celebrare Piero Taruffi, la “Volpe argentata”. L’evento, nella sua terza edizione, intende essere una giornata di celebrazione dell’indimenticabile pilota. Ci sarà il concorso di eleganza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

500 studiosi al lavoro per una riscostruzione digitale

TIME MACHINE, UN PROGETTO AMBIZIOSO PER VENEZIA

Far rinascere il Quattrocento Veneziano grazie a un progetto rivoluzionario


Vivere al tempo di Tiziano Vecellio, percorrere Piazza San Marco con Gentile Bellini, o entrare nella stamperia di Aldo Manuzio. Andare indietro nel tempo al 400 veneziano con "Time Machine", un progetto ambiziosissimo che sarà pronto tra alcuni anni e che cambierà il modo di fruire la conoscenza storica.
E' un progetto finanziato dall'Unione Europea e vi partecipano una ventina di città e regioni, da Amsterdam a Gerusalemme, passando per Parigi e Budapest. Per Venezia è stato stato stanziato un milione di euro e all'iniziativa partecipano oltre 2.500 istituzioni.
Tra i promotori l'Università Ca' Foscari, l'Archivio di Stato, la Biblioteca Marciana, l'Iit (Italian Institute of Tecnology), e l'Università di Bologna.
Al lavoro 500 persone con diverse competenze, perché non è un lavoro per soli storici.
Saranno digitalizzati gli 80 km di documenti dell'archivio ai Frari con un sistema particolare e innovativo: la luce di sincrotone è in grado di rilevare l'inchiostro che contiene gallato di ferro, cioè l'inchiostro usato fino agli inizi del '900, senza dover aprire i registri e scansionare pagina per pagina. Sarà così possibile digitalizzare più velocemente i documenti e rivoluzionare il modo di fare ricerca storica, e sicuramente arrivare a scoperte interessanti.