Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al via il progetto lanciato da Treviso Sotterrnea e Comune

SCOPRIRE LE MURA DI TREVISO DALLO SMARTPHONE

Il tour virtuale partirà da Porta San Tomaso


TREVISO - Si potrà entrare nelle casematte sotterranee e visitare la sala d’armi sotto il tetto. Il tutto dallo smartphone o dal tablet. Inizia da Porta San Tomaso il tour virtuale lungo le Mura di Treviso.
Dopo le visite fisiche che propone ormai da diversi anni, l’associazione Treviso Sotterranea, insieme all’amministrazione comunale, ha lanciato un progetto per creare un vero e proprio percorso virtuale per scoprire la cinta muraria e i suoi ambienti ipogei. Grazie alle tecnologie, i visitatori potranno anche esplorare luoghi di norma preclusi, perché accessibili sono agli speleologi o perché di proprietà privata.
Questa particolare esperienza non poteva non partite da uno dei monumenti simbolo della città, come Porta San Tomaso, la terza porta della fortezza rinascimentale veneziana e l’edificio più maestoso della cerchia muraria, costruita nel 1518 dal podestà Paolo Nani su probabile progetto dall’architetto Guglielmo il Bergamasco.
Oggi è cominciata la digitalizzazione dei locali sopra e sotto terra della porta. Per questa prima parte del lavoro è stato incaricato un team di giovani professionisti dello studio di comunicazione e web ELAN42 con sede a Venezia. E’ stata utilizzata una macchina di ultima generazione che permette, attraverso la scansione dell'area, permette di ottenere un modello digitale fruibile al pubblico in modo attivo. In poche parole, una volta pubblicato il Tour nel sito web di Treviso Sotterranea e nei canali social dell’associazione, ogni cittadino potrà visitare gli spazi facendo un’esperienza immersiva con una qualità dell’immagine di 36 Mega Pixel. Obiettivo è rendere fruibile il bene culturale anche durante i periodi in cui la Porta non è accessibile e condividere con il maggior pubblico possibile la bellezza e la storia di questo monumento.
La prima tappa della sinergia tra Treviso Sotterranea e amministrazione comunale dovrebbe portare all’apertura ai visitatori della sala d’armi di Porta San Tomaso nei prossimi mesi, sempre tenendo come obbiettivo finale l’apertura di tutti quei monumenti e ambienti che attualmente non sono ancora accessibili come Porta Santi Quaranta e il Bastione del Castello.

Galleria fotograficaGalleria fotografica