Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ex magistrato ospite del Lions Club di Pieve di Soligo

NORDIO SPIEGA LA LEGITTIMA DIFESA


PIEVE DI SOLIGO. La nuova legge sulla legittima difesa, spiegata dal giudice Carlo Nodio, ospite del Lions Club di Pieve di Soligo, del quale è socio onorario da oltre vent’anni, una serata indimenticabile, organizzata dall’attuale presidente Petra Asseg. Quasi duecento persone, sono intervenute alcune sere fa, presso la sala convegni del noto ristorante “Locanda Da Lino” a Solighetto. Ospite della serata il giudice Carlo Nordio, uno dei magistrati più conosciuti e stimati a livello nazionale, non solo per essere stato: Procuratore Aggiunto di Venezia, titolare dell'inchiesta sul Mose, protagonista della famosa stagione di Mani pulite, con la celebre inchiesta da lui condotta sulle cooperative rosse, negli anni Ottanta conduttore delle indagini sulle Brigate Rosse venete e sui sequestri di persona; negli anni Novanta protagonista nelle indagini sui reati di Tangentopoli, consulente della Commissione Parlamentare per il terrorismo e presidente della Commissione Ministeriale per la riforma del codice penale. “Le novità -ha tenuto a sottolineare il giudice Nordio- riguardano soprattutto quelle persone che dopo essersi difese in casa, si vedono costrette a difendersi anche in tribunale. La prima di queste obbliga il giudice a tenere in considerazione ed a motivare, lo stato di grave turbamento emotivo e di paura in cui versa la persona quando reagisce se viene aggredita, anche se, non necessariamente, l’aggressore ha in mano un’arma da fuoco -ma potrebbe avere: un coltello, una mazza da baseball o una spranga, la proporzionalità della legittima difesa è sempre presunta. Se si verificano questi presupposti, un’indagine ci sarà in ogni caso, un pubblico ministero ed un avvocato per l’assistenza della persona offesa ci sarà sempre ma, partendo da questi presupposti fissati dalla legge, l’indagine sarà molto più breve. Secondo punto, ma di conseguenza altrettanto importante in cui tu hai esercitato lo stato di legittima difesa, di fatto ti sei sostituito allo stato, quello stato che avrebbe avuto il dovere di proteggerti. In questo caso se l’aggredito viene assolto, lo stato si assume tutte le spese legali. Quindi, con la nuova legge, abbiamo un abbreviamento dell’indagine ed un sollevamento anche sotto l'aspetto economico da parte dell’aggredito, poiché lo stato si assume l’onere di pagare anche tutte le spese legali.  A fine serata la presidente Petra Asseg ha inoltre ricordato alcune delle belle iniziative  che il Lions Club di Pieve di Soligo organizza ogni anno, tra queste: La raccolta di occhiali nuovi ed usati da inviare in Gana, dove alcuni soci e collaboratori del Lions non solo hanno offerto anche dei macchinari per la misurazione della vista e per la realizzazione delle lenti, ma ogni anno inviano in loco anche dei oculisti e dei tecnici della vista. Da alcuni anni sempre i soci del Lions Club di Pieve di Soligo collaborano inoltre con offerte in denaro, nella realizzazione -sempre in Congo- di una scuola elementare.