Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/264: PIERO TARUFFI, L'"UOMO FRECCIA"

Un evento alla Montecchia celebra l'ingegnere- pilota


PADOVA - Atleti, piloti, e Vip al Golf della Montecchia, sabato 25 maggio, a celebrare Piero Taruffi, la “Volpe argentata”. L’evento, nella sua terza edizione, intende essere una giornata di celebrazione dell’indimenticabile pilota. Ci sarà il concorso di eleganza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rarissima pergamena del 1300 all'Archivio

RITROVATO UN DOCUMENTO SU MARCO POLO

Una stagista ritrova un documento riguardante Marco Polo al registro del Bailo


Scoperta da una stagista di Ca' Foscari in un registro del Bailo una rarissima pergamena del 1300 riguardante Marco Polo. E' stata Giulia Migo, la studentessa iscritta al corso magistrale in Storia e Conservazione del patrimonio archivistico e bibliografico, che durante lo stage all'Archivio di Treviso ha fatto la scoperta: una “quietanza”, redatta dal prete-notaio Filippo Spinelli, davanti a lui, a Rialto, i fratelli Giovanni e Filippo Iuliano hanno restituito a Marco Polo per conto di Pietro Da Canal un debito contratto a Candia, Creta. Sulla preziosa pergamena di 290 per 130 millimetri, il nome di Marco Polo compare due volte: “Do a te Pietro Da Canal quietanza di tutto ciò che è contenuto e si legge in una carta manifestacionis rogata a Candia dal notaio Benedetto Da Milano il 13 agosto 1320”. Questo è parte del testo del documento ritrovato da Giulia durante il lavoro di digitalizzazione dell'inventario del fondo Diplomatico redatto dall'Abate Bailo. Documento fino ad oggi ignoto contenuto in tomo di 7mila pergamene custodite nei depositi trevigiani. E la domanda che sorge spontanea è: come ha fatto un documento redatto a Venezia a finire nei depositi trevigiani? Come è sfuggito alle confische di Napoleone?
Le ipotesi sono varie, ma è probabile che si sia trattato di un caso di omonimia tra i due Monasteri di Santa Caterina, a Venezia e a Treviso, oppure è possibile che sia stata una suora a portare il documento al convento di Treviso. L'indagine continua e la ricerca potrebbe portare ad altri documenti importanti riguardanti l'esploratore veneziano.