Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/325: NUOVI TALENTI AZZURRI IN LUCE AL CAMPIONATO NAZIONALE OPEN

Brindano il pro Giulio Castagnara e la dilettante Caterina Don


SUTRI (VT) - Nell’ambito del Progetto Ryder Cup, l’Italian Pro Tour mette in azione i protagonisti del golf, in un circuito di gare che coinvolge tutta la nazione da nord a sud.La più longeva gara italiana, a cui negli ultimi due giorni si attacca la relativa sezione femminile,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/324: RENATO PARATORE TRIONFA AL BRITISH MASTERS

Successo azzurro al primo dei tornei britannici dell'Eurotour


NEWCASTLE-UPON- TYNE (GB) - L’European Tour riprende il suo circuito con il Betfred British Masters, primo della serie dei sei tornei denominati “UK Swing”, programmati in Inghilterra e in Galles. I sei tornei, tutti a porte chiuse, terranno impegnati i migliori golfisti europei,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/323: IL FRANCESE STALTER VINCE L'EURAM BANK OPEN

Ancora in Austria il secondo torneo di Eurotour e Challenge


RAMSAU (AUSTRIA) - Ecco il secondo dei tornei organizzati in sintonia da European Tour e Challenge Tour, che hanno ripreso l’attività dopo quattro mesi di sospensione per l’emergenza coronavirus. L’Euram Bank segue dopo una settimana l’Austrian Open, oggetto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rarissima pergamena del 1300 all'Archivio

RITROVATO UN DOCUMENTO SU MARCO POLO

Una stagista ritrova un documento riguardante Marco Polo al registro del Bailo


Scoperta da una stagista di Ca' Foscari in un registro del Bailo una rarissima pergamena del 1300 riguardante Marco Polo. E' stata Giulia Migo, la studentessa iscritta al corso magistrale in Storia e Conservazione del patrimonio archivistico e bibliografico, che durante lo stage all'Archivio di Treviso ha fatto la scoperta: una “quietanza”, redatta dal prete-notaio Filippo Spinelli, davanti a lui, a Rialto, i fratelli Giovanni e Filippo Iuliano hanno restituito a Marco Polo per conto di Pietro Da Canal un debito contratto a Candia, Creta. Sulla preziosa pergamena di 290 per 130 millimetri, il nome di Marco Polo compare due volte: “Do a te Pietro Da Canal quietanza di tutto ciò che è contenuto e si legge in una carta manifestacionis rogata a Candia dal notaio Benedetto Da Milano il 13 agosto 1320”. Questo è parte del testo del documento ritrovato da Giulia durante il lavoro di digitalizzazione dell'inventario del fondo Diplomatico redatto dall'Abate Bailo. Documento fino ad oggi ignoto contenuto in tomo di 7mila pergamene custodite nei depositi trevigiani. E la domanda che sorge spontanea è: come ha fatto un documento redatto a Venezia a finire nei depositi trevigiani? Come è sfuggito alle confische di Napoleone?
Le ipotesi sono varie, ma è probabile che si sia trattato di un caso di omonimia tra i due Monasteri di Santa Caterina, a Venezia e a Treviso, oppure è possibile che sia stata una suora a portare il documento al convento di Treviso. L'indagine continua e la ricerca potrebbe portare ad altri documenti importanti riguardanti l'esploratore veneziano.