Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rarissima pergamena del 1300 all'Archivio

RITROVATO UN DOCUMENTO SU MARCO POLO

Una stagista ritrova un documento riguardante Marco Polo al registro del Bailo


Scoperta da una stagista di Ca' Foscari in un registro del Bailo una rarissima pergamena del 1300 riguardante Marco Polo. E' stata Giulia Migo, la studentessa iscritta al corso magistrale in Storia e Conservazione del patrimonio archivistico e bibliografico, che durante lo stage all'Archivio di Treviso ha fatto la scoperta: una “quietanza”, redatta dal prete-notaio Filippo Spinelli, davanti a lui, a Rialto, i fratelli Giovanni e Filippo Iuliano hanno restituito a Marco Polo per conto di Pietro Da Canal un debito contratto a Candia, Creta. Sulla preziosa pergamena di 290 per 130 millimetri, il nome di Marco Polo compare due volte: “Do a te Pietro Da Canal quietanza di tutto ciò che è contenuto e si legge in una carta manifestacionis rogata a Candia dal notaio Benedetto Da Milano il 13 agosto 1320”. Questo è parte del testo del documento ritrovato da Giulia durante il lavoro di digitalizzazione dell'inventario del fondo Diplomatico redatto dall'Abate Bailo. Documento fino ad oggi ignoto contenuto in tomo di 7mila pergamene custodite nei depositi trevigiani. E la domanda che sorge spontanea è: come ha fatto un documento redatto a Venezia a finire nei depositi trevigiani? Come è sfuggito alle confische di Napoleone?
Le ipotesi sono varie, ma è probabile che si sia trattato di un caso di omonimia tra i due Monasteri di Santa Caterina, a Venezia e a Treviso, oppure è possibile che sia stata una suora a portare il documento al convento di Treviso. L'indagine continua e la ricerca potrebbe portare ad altri documenti importanti riguardanti l'esploratore veneziano.