Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rarissima pergamena del 1300 all'Archivio

RITROVATO UN DOCUMENTO SU MARCO POLO

Una stagista ritrova un documento riguardante Marco Polo al registro del Bailo


Scoperta da una stagista di Ca' Foscari in un registro del Bailo una rarissima pergamena del 1300 riguardante Marco Polo. E' stata Giulia Migo, la studentessa iscritta al corso magistrale in Storia e Conservazione del patrimonio archivistico e bibliografico, che durante lo stage all'Archivio di Treviso ha fatto la scoperta: una “quietanza”, redatta dal prete-notaio Filippo Spinelli, davanti a lui, a Rialto, i fratelli Giovanni e Filippo Iuliano hanno restituito a Marco Polo per conto di Pietro Da Canal un debito contratto a Candia, Creta. Sulla preziosa pergamena di 290 per 130 millimetri, il nome di Marco Polo compare due volte: “Do a te Pietro Da Canal quietanza di tutto ciò che è contenuto e si legge in una carta manifestacionis rogata a Candia dal notaio Benedetto Da Milano il 13 agosto 1320”. Questo è parte del testo del documento ritrovato da Giulia durante il lavoro di digitalizzazione dell'inventario del fondo Diplomatico redatto dall'Abate Bailo. Documento fino ad oggi ignoto contenuto in tomo di 7mila pergamene custodite nei depositi trevigiani. E la domanda che sorge spontanea è: come ha fatto un documento redatto a Venezia a finire nei depositi trevigiani? Come è sfuggito alle confische di Napoleone?
Le ipotesi sono varie, ma è probabile che si sia trattato di un caso di omonimia tra i due Monasteri di Santa Caterina, a Venezia e a Treviso, oppure è possibile che sia stata una suora a portare il documento al convento di Treviso. L'indagine continua e la ricerca potrebbe portare ad altri documenti importanti riguardanti l'esploratore veneziano.