Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al Ca' Foncello nuovi Pronto soccorso pediatrico e oculistico

SCHEDE OSPEDALIERE, L'ULSS 2 GUADAGNA 24 POSTI LETTO

Gli interventi chirurgici minori concentrati a Vittorio Veneto


TREVISO - L’Ulss 2 Marca Trevigiana guadagna, nel complesso, 24 letti nelle sue strutture, raggiungendo quota 2.390. Le nuove schede con cui la Regione definisce la programmazione sanitaria, a cominciare dalla dotazione dei vari ospedali, prevedono un aumento di 84 posti in tutto il Veneto. Il direttore generale dell’Ulss trevigiana Francesco Benazzi, può dunque essere soddisfatto.
La maggior parte dei nuovi posti letto, 22, riguarderanno l'hub del Ca' Foncello di Treviso, che sale da 981 a 1003 degenze. Qui tra le varie novità, previsti un dipartimento odontostomatologico, all’interno di chirurgia pediatrica, che di occuperà in particolare dei bambini con disabilità, e due nuovi pronto soccorsi, accanto a quello centrale: uno pediatrico e uno oculistico.
Mantenute, anzi rafforzate, assicurano i vertici, le specializzazioni dei vari ospedali. Attenzione particolare su Vittorio Veneto: già, di fatto, attira pazienti da tutta Italia per la cura del tumore alla laringe, con la nuova unità maxillofacciale diventerà riferimento per tutte le patologie testa-collo. Ma qui verranno concentrati anche gli interventi chirurgici minori – dalle emorroidi e altri patologie del retto, alle ernie o alla chirurgia vascolare degli arti – da compiere in giornata o in pochi giorni. L'obiettivo, come spiega il direttore sanitario dell’Ulss Marco Cadamuro Morgante, è di trasferire all'ospedale di Costa circa il 40-45% degli interventi oggi eseguiti al Ca' Foncello, permettendo così di ridurre le liste d'attesa.
Questione Castelfranco: Benazzi allontana qualsiasi voce di chiusura o di ridimensionamento del San Giacomo a seguito dell’insediamento dell’Istituto oncologico veneto.
Tra fine 2019 e inizio 2020 è prevista l’attivazione degli ospedali di comunità nella città castellana, nel capoluogo e a Conegliano, per 84 posti totali, poi si proseguirà con le altre aree della provincia. Il direttore generale respinge anche i timori di spostamenti verso la sanità privata: le nuove schede riconoscono 20 letti in più in convenzione, richiesti dall’Ulss stessa, solo alla clinica San Camillo di Treviso.

Le principali novità per i sei ospedali della Marca

TREVISO
Tutte le specialità del Ca’ Foncello sono state confermate. E’ prevista l’attivazione, ex novo, di due Pronto Soccorso dedicati con accesso diretto, in affiancamento a quello centrale: uno oculistico e uno pediatrico. Troveranno posto, rispettivamente, in Oculistica e in un’area dedicata del Pronto Soccorso.
La 1° Medicina diventa Centro di riferimento regionale per le malattie rare del sistema immunitario e dell’apparato respiratorio. Anatomia Patologica diventerà riferimento anche per le Ulss 1, 2 3 e 4. La Neuroriabilitazione diventa punto di riferimento per l’Ulss 1.
In chirurgia pediatrica sarà attivata una Uosd (Unità operativa semplice dipartimentale) di Odontomastologia che si occuperà delle cure odontoiatriche dei bambini con disabilità.
Previsto il potenziamento dell’attività di Emodinamica mentre Chirurgia maxillo facciale diventa centro di riferimento per le disfunzioni temporomandibolari.

ODERZO
Previsto, oltre al mantenimento delle attuali attività, l’incremento della protesica.

CONEGLIANO
Oltre al mantenimento di tutte le attuali attività è previsto l’aumento dei posti letto della Terapia intensiva cardiologica (da 8 a 10). L’Unità Operativa di Cardiologia di Conegliano diventa Centro di riferimento per l’elettrofisiologia. Ortopedia diventa centro di riferimento di zona per la traumatologia. Al Santa Maria dei Battuti Sarà attivata una Uosd di chirurgia vascolare che farà riferimento al dipartimento di Treviso.

VITTORIO VENETO
Il neonato dipartimento “testa collo”, già Centro di riferimento regionale per il tumore alla laringe con attrazione a livello regionale, sarà potenziato con l’arrivo della Uosd di chirurgia maxillo facciale. Previsto anche il potenziamento del Polo aziendale di week e day surgery (l’obiettivo è di passare dai 400 interventi del 2018 a circa 1.000 interventi). Saranno attivati 4 posti di Terapia intensiva.

MONTEBELLUNA
E’ previsto, oltre al mantenimento delle attuali attività, il potenziamento dell’area Medica (due posti letto in più) e della Cardiologia. Sarà attivata una day e week surgery ed è previsto l’aumento a 40 posti letto dell’Ortopedia, che diventerà riferimento per la protesica di tutta l’area dell’Asolano.

CASTELFRANCO
Nell’area medica, che sarà potenziata, Medicina generale avrà 80 posti letto, Neurologia 22 e saranno conservate Nefrologia e angiologia. Cardiologia conterà su 20 posti letto con attività di emodinamica h 24. Per quanto riguarda Chirurgia generale la Regione ha accolto la proposta di 15 posti di Chirurgia generale, gestiti dal primario di Montebelluna e 5 di Chirurgia vascolare, gestiti dal primario di Treviso. Ostetricia conserverà i posti letto, così come pediatria e patologia neonatale. Conservati anche Cardiologia con 6 posti letto e il Pronto Soccorso.

OSPEDALI DI COMUNITA’
A livello aziendale ne sono previsti 7. I primi ad essere attivati, ha annunciato Benazzi, saranno Treviso, Conegliano e Castelfranco che prenderanno il via tra il 2019 e i primi mesi del 2020. A Treviso e Castelfranco sono previsti 30 posti letto, a Conegliano 24. In un secondo tempo saranno attivati Motta di Livenza, Vittorio Veneto e Montebelluna (entrambi con 30 posti letto) e Oderzo con 24.

SUEM
L’Ulss 2 disporrà, complessivamente, di 1 elicottero e 22 tra automediche e ambulanze dislocate sull’intero territorio.