Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'uomo è fuggito a piedi attraverso i campi. E' stato arrestato

AUTISTA UBRIACO, SI RIBALTA LO SCUOLABUS:11 BAMBINI FERITI

Aveva dei precedenti. Zaia: "Una legge per evitare che si ripetano questi fatti"


ADOVA. Ha perso il controllo dello scuolabus finendo fuori strada, il mezzo si è rovesciato su un fianco e lui è fuggito lasciando soli una ventina di bambini, feriti e in preda al panico. Un autista di 51 anni Denis Panduru, originario della Romania e residente a Rovigo è stato arrestato dai carabinieri dopo una fuga a piedi lunga dieci chilometri. E' risultato positivo al test con l'etilometro, un valore di 0,32 grammi per litro, ora e' accusato di guida in stato di ebbrezza, fuga dopo aver provocato l'incidente e lesioni personali colpose plurime. Le indagini dei carabinieri hanno evidenziato che il 51 enne aveva dei precedenti: nel 2017 era stato fermato in auto e sanzionato per guida in stato di ebbrezza, alle spalle anche una denuncia per lesioni e minacce, una storia risalente a una decina di anni fa. E' stato sottoposto anche al test anti droga il cui esito è atteso nella giornata di oggi. Da un mese lavorava per una ditta padovana che gestisce il servizio di trasporto scolastico in alcuni comuni della provincia. L'incidente è avvenuto ad Arquà Petrarca, piccolo comune nella zona dei Colli Euganei poco prima delle 14, l'autista stava accompagnando a casa il gruppo di studenti delle scuole elementari e medie, nei pressi di una curva in discesa, prima di un tornante ha perso il controllo del mezzo che si è ribaltato. Undici bambini tra i 6 e i 12 anni sono rimasti feriti, sono stati portati in pronto soccorso e dopo alcune ore in osservazione sono stati dimessi, i più gravi hanno una prognosi di cinque giorni per trauma cranico e contusioni in varie parti del corpo. Gli scolari sono stati sentiti dai militari, dalle loro testimonianze è emerso che prima di uscire di strada lo scuolabus aveva proceduto a zig zag per alcune decine di metri. Qualcuno ha anche raccontato che l'autista prima di fuggire attraverso ai campi si era fermato per pochi istanti davanti al mezzo. Il rumeno era l'unico adulto a bordo del mezzo, i bambini non avevano accompagnatori o insegnanti. I primi a prestare loro soccorso e a cercare di tranquilizzarli sono stati alcuni residenti che hanno sentito le urla: sono stati anche i primi a rendersi conto che l'autista era fuggito e a dare l'allarme. La caccia all'uomo è durata poco meno di due ore, una pattuglia dei carabinieri lo ha rintracciato a Este, un comune limitrofo mentre vagava a piedi lungo la strada. L' uomo quando ha visto i militari ha tentato una nuova fuga ma è stato bloccato e portato in caserma, al termine di un breve interrogatorio dove non ha fornito spiegazioni al suo gesto è stato arrestato. Sulla vicenda è intervenuto il governatore del Veneto Luca Zaia che prima ha raccomandanto ai medici di non tralasciare alcun approfondimento diagnostico per quanto riguarda le condizioni dei ragazzi feriti e poi si è scagliato contro l'automobilista ubriaco: "Chi ha avuto un precedente per guida in stato di ebbrezza non può guidare uno scuolabus, il passato di una persona deve influire anche sul presente soprattutto se si tratta di una professione delicata". Zaia ha invocato una legge che impedisca a chi è stato sorpreso ubriaco di guidare un autobus e ha invitato le società che gestiscono il trasporto pubblico scolastico a effettuare uno screening approfondito ai dipendenti perchè episodi simili non possono più essere tollerati. Sul caso è intervenuto anche il vicepremier Luigi Di Maio: "Un abbraccio ai ragazzi dello scuolabus che si è rovesciato e la mia vicinanza alle loro famiglie. Un grazie ai vigili del fuoco e ai soccorritori che hanno reso possibile il salvataggio. Sempre in prima linea con coraggio e professionalità".

 

Danilo Guerretta