Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdi 21 giugno la trentesima edizione della Corritreviso

TREVISO VA DI CORSA

Partenza della 10 chilometri alle 20.30


TREVISO. In principio furono Panetta, Lambruschini, Di Napoli. E poi ancora Pertile, Ejjafini, Genovese. La storia della Corritreviso, in trent’anni, ha attraversato epoche gloriose del mezzofondo e fondo azzurro. Un passato che non torna, ma la grande classica del capoluogo della Marca è ancora lì. Un monumento tra i monumenti.

L’appuntamento con l’edizione numero 30 è per venerdì 21 giugno. Di sera, sotto le stelle, nel primo giorno d’estate. Scenario di partenza e d’arrivo, la centralissima Piazza dei Signori. Si corre molto in riva al Sile, ma solo la Corritreviso va a collocarsi, da sempre, nel “salotto buono” della città.

Il programma della serata prevede, in apertura, la passerella della gare giovanili, valide per l’assegnazione dei titoli regionali individuali Fidal. Alla società con il maggior numero di iscritti andrà anche il prestigioso Trofeo Lattebusche.

A seguire, con partenza alle 20.30, la gara aperta agli appassionati di livello amatoriale e assoluto. Si correrà sulla distanza di 10 chilometri, toccando gli angoli più belli del centro storico: da Piazza dei Signori a San Leonardo, da Santa Maria Maggiore al Lungosile, da Corso del Popolo a Piazza Duomo, da via Roggia a via Calmaggiore, il cuore per eccellenza dello “struscio” cittadino, che ricondurrà gli atleti in Piazza dei Signori.

L’anno scorso, la Corritreviso ha introdotto una gara maschile ad invito per l’atleti élite, a chiudere la serata. Un grande spettacolo, che ha incoronato l’azzurro Eyob Ghebrehiwet Faniel, poi protagonista di una stagione da incorniciare (oro a squadre nella maratona degli Europei di Berlino, argento ai Giochi del Mediterraneo sulla mezza distanza).

La novità è piaciuta, e per quest’anno la Corritreviso ha previsto un raddoppio, introducendo una gara élite ad invito anche per il settore femminile. Le donne del settore assoluto si sfideranno così sulla distanza di 5 chilometri, gli uomini sulla distanza doppia. In entrambi i casi, per dare regolarità statistica alla prestazioni cronometriche, si correrà su un percorso omologato Fidal. Lo sviluppo, per le due gare élite, sarà di 1 chilometro. Spettacolo, insomma, garantito, grazie ai ripetuti passaggi.

La quota di partecipazione alla Corritreviso è di 12 euro (che diventeranno 15 a partire dal 1° giugno). Tariffa agevolata (10 euro) anche per le società che iscriveranno almeno 15 atleti. Per tutti, in omaggio, una esclusiva canotta in materiale tecnico e una splendida medaglia che rimarranno a ricordo di una serata da non perdere. Trent’anni sono un bel traguardo. Peccato mancare, davvero. Per ulteriori info: www.corritreviso.it.


(FOTO DI ROBERTA RADINI)

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica