Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/278: IL "GIGANTE" BELGA PIETERS TRIONFA AL CZECH MASTERS

Ultimo giro record, Andrea Pavan conquista il terzo posto


PRAGA (REP. CECA) - Lasciamo per il momento tranquilli i 70 più grandi giocatori del mondo, a darsi battaglia nel BMW Championship, la seconda delle tre tappe della FedEx Cup in corso a Medinah nell’Illinois. Il primo torneo, il Northern Trust giocato nel New Jersey, l’abbiamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/277: A PADOVA IL GOLF GIOVANILE INTERNAZIONALE

L'U.S. Kids Venice Open ospitato tra Galzignano, Montecchia e Frassenelle


PADOVA - È ancora una volta a Padova l’International U.S. Kids Venice Open, affollata da centinaia di atleti, provenienti da ogni parte del mondo. L’U.S. Kids è istituzione americana con 27 circoli affiliati in Italia, che ha il fine di aprire il Golf ai più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/276: LA CALMA DI PATRICK REED È VINCENTE AL NORTHERN TRUST

Lo statunitense bissa il successo del 2016 nel primo torneo della FedEx Cup


NEW JERSEY (USA) - È questa la prima delle tre gare valide per la FedEx Cup, inserita nel corso della stagione PGA Tour: tre tornei a eliminazione, giocati nel mese di agosto, che portano all’assegnazione di una grossa somma di denaro: 15 milioni di dollari del Jackpot al vincitore di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un detenuto ha dato fuoco alle lenzuola, lunedi scorso russa in cella

RISSA E TENTATIVO DI INCENDIO AL CARCERE MINORILE

la Cgil ha denunciato i due episodi


TREVISO. In neppure 10 giorni due gravi episodi accaduti al carcere minorile di Treviso fanno emergere con forza l’inadeguatezza della struttura e la cronica carenza di personale. A denunciare l’accaduto sono Stefano Vanin della FP CGIL di Treviso e Giampiero Pegoraro del Coordinamento Veneto Polizia Penitenziaria.

“Il 12 maggio scorso un detenuto dell’Istituto penitenziario per minori ha dato fuoco a lenzuola e materasso della sua cella. L’incendio che avrebbe potuto divampare è stato scongiurato dalla prontezza e dall’esperienza del personale in servizio. Ma per intervenire con efficienza ci si è dovuti rivolgere nel bel mezzo della notte agli agenti in riposo, anche se non in reperibilità, per gestire la situazione e per procedere al trasporto del detenuto all’ospedale e attivare il piantonamento. Solo qualche giorno fa, lunedì 20 maggio, un agente è stato colpito al volto nel tentativo di sedare una rissa - riportano Stefano Vanin e Giampiero Pegoraro”.

Due episodi che fanno capo alla medesima problematica: la cronica carenza di personale. Carenza che si scaglia sulla vita degli agenti dell’Istituto trevigiano, nei termini di orario di lavoro e nel sacrificare riposi e ferie. Inoltre, la struttura carceraria di Santa Bona si rivela sempre più inadeguata, non rispettando altresì la normativa in vigore relativa sia ai detenuti che ai lavoratori.

“Una situazione ormai insostenibile, troppe mancanze che si scaricano su chi lavora - dichiarano Vanin e Pegoraro -. Serve dunque, anche per prevenire questi gravi fatti e scongiurarne di peggiori, una struttura idonea e strumenti adeguati, più personale e formazione”.