Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Pd seconda realtà, al 18,9, M5S si ferma all'8,9, Fratelli d'Italia supera Forza Italia

ELEZIONI EUROPEE, LEGA AL 50% IN VENETO

Il partito di Salvini sfiora la maggioranza assoluta dei voti


VENEZIA - Il successo su scala nazionale diventa un trionfo in Veneto: nelle elezioni europee in regione la Lega sfiora di un nonnulla il 50%, raccogliendo oltre un milione e 234mila voti. Pari, per la precisione, al 49,88%i dei consensi, 15 punti in più del risultato su scala nazionale. Maggioranza assoluta, peraltro superata nelle province di Treviso, al 53,7, e di Vicenza, un punto in meno.
La consultazione per l’Europarlamento, dunque, rafforza il Veneto come regione roccaforte del Carroccio. Secondo partito, seppure con netto distacco, esce dalle urne il Partito Democratico, al 18,9%, in recupero rispetto alle scorse politiche.
Anche a livello regionale, come avvenuto nel resto d’Italia, si conferma il calo del Movimento 5 Stelle, che si ferma all’8,9%. Fratelli d’Italia vince il testa a testa con Forza Italia: il 6,8 a 6 per cento dei suffragi decreta il partito di Giorgia Meloni seconda realtà del centrodestra pure tra gli elettori veneti.
Le altre liste non superano lo sbarramento del 4% su scala nazionale. L’ondata verde che ha caratterizzato la tornata elettorale in altri paesi europei, non decolla neppure qui come nell’intera penisola: i Verdi si attestano al 2,7 %, stesso risultato di Più Europa.
La Sinistra raggranella l’1,1, mentre gli altri partiti non vanno oltre lo zero virgola.
In Veneto sono andati alle urne 63,7 aventi diritto su cento, affluenza in linea con le precedenti europee di cinque anni fa, ma ben 13 punti sotto il dato del 2004