Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In manette due anarco-insurezionalisti

BOMBE AL K3, DUE ARRESTI

il Procuratore: "Poteva essere una strage"


TREVISO. E' stato arrestato l'uomo accusato di aver posizionato due ordigni nella sede della Lega Nord di Treviso lo scorso 12 agosto. Si tratta di Juan Antonio Fernandez Sorroche, militante anarchico-insurezionalista di origini spagnole, residente da anni in Trentino Alto Adige. Era latitante dalla primavera del 2017 per sfuggire a un ordine di arresto del tribunale di Torino a seguito di alcune condanne per attentati e episodi di terrorismo. Gli agenti della Digos di Treviso e Venezia gli stavano dando la caccia da mesi, grazie alla collaborazione della polizia spagnola sono riusciti a risalire alla rete di fiancheggiatori che lo ha aiutato durante la latitanza. E' stato arrestato il 22 maggio mentre si aggirava per i boschi di Marmentino, piccolo paese collinare in provincia di Brescia dopo che si era incontrato con Manuel Oxoli, anarchico bresciano di 38 anni, finito anch'esso in manette per favoreggiamento. Le indagini sono partite dall'analisi di un volantino apparso sul web nel quale la cellula anarchica "Haris Hatzmihelakis" rivendicava l'attentato alla sede della Lega, una traccia di Dna rinvenuta sull'ordigno ha fornito la prova schiacciante, facendo scattare la caccia all'uomo. Per settimane decine di agenti in borghese hanno setacciato boschi e sentieri delle colline bresciane, di giorno e di notte grazie anche a visuri notturni e binocoli ad alta precisione. Gli agenti, quando Sorroche è sbucato da un bosco nel tentativo di attraversare la strada lo hanno circondato, quindi sono scattate le manette nonostante un timido tentativo di fuga. E' accusato di strage e di attentato con finalità di terrorismo, gli investigatori ritengono che sia stato ideatore e organizzatore dell'attentato di Treviso. Due bombe artigianali, costruite con pentole a pressione riempite di chiodi e polvere pirica. Il primo ordigno, scoppiato nel cuore della notte era una trappola per attirare le forze dell'ordine: "Al loro arrivo un filo trasparente posizionato su una scala avrebbe dovuto far esplodere le seconda bomba e provocare una strage", ha confermato il procuratore antimafia del veneto Bruno Cherchi. Dopo i due arresti le indagini negli ambienti anarco-insurezionalisti italiani continuano alla ricerca dei complici: si cercano soprattutti i basisti, persone che ben conoscevano il luogo dell'attentato situato in un area artigianale e che forse sapevano che nonostante i cartelli, le telecamere di sorveglianza non erano presenti. «I miei complimenti e i miei ringraziamenti agli investigatori ed alla magistratura che ha seguito questa partita». Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, commentando l'arresto del presunto attentatore . L'individuazione del responsabile «toglie inquietudine» ha concluso Zaia.

 

Danilo Guerretta

 

 

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica