Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Individuato dopo 80 anni in Germania

IL CROCIFISSO DI GOERING TORNA A VENEZIA

Il crocifisso trecentesco fa ritorno alla Chiesa di San Pantalon


Ritorna dopo 80 anni a Venezia il crocifisso rubato da Goering.
Domani l'opera d'arte datata tra il 1335 e il 1345 sarà riconsegnata dai Carabinieri alla Chiesa di San Pantalon a Venezia.
La Chiesa fu saccheggiata durante la seconda Guerra Mondiale. Lo aveva voluto per sé il gerarca nazista Hermann Goering, appassionato collezionista, soprattuto d'arte italiana.
Il crocifisso è stato individuato in Germania dai carabinieri del comando di Tutela del Patrimonio culturale. Era di proprietà di una casa d'Aste a Colonia che lo aveva acquistato da un collezionista privato. Una volta resa pubblica la notizia, nel 2012, che quel crocifisso era uscito illegalmente dall'Italia, l'opera era diventata invendibile, ed è quindi stata restituita a Venezia.
Il crocifisso ora, dopo un lungo restauro, ritornerà finalmente a San Pantalon.