Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Individuato dopo 80 anni in Germania

IL CROCIFISSO DI GOERING TORNA A VENEZIA

Il crocifisso trecentesco fa ritorno alla Chiesa di San Pantalon


Ritorna dopo 80 anni a Venezia il crocifisso rubato da Goering.
Domani l'opera d'arte datata tra il 1335 e il 1345 sarà riconsegnata dai Carabinieri alla Chiesa di San Pantalon a Venezia.
La Chiesa fu saccheggiata durante la seconda Guerra Mondiale. Lo aveva voluto per sé il gerarca nazista Hermann Goering, appassionato collezionista, soprattuto d'arte italiana.
Il crocifisso è stato individuato in Germania dai carabinieri del comando di Tutela del Patrimonio culturale. Era di proprietà di una casa d'Aste a Colonia che lo aveva acquistato da un collezionista privato. Una volta resa pubblica la notizia, nel 2012, che quel crocifisso era uscito illegalmente dall'Italia, l'opera era diventata invendibile, ed è quindi stata restituita a Venezia.
Il crocifisso ora, dopo un lungo restauro, ritornerà finalmente a San Pantalon.