Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La vittima è un uomo di 46 anni

SANGUE A CISON, MUORE DOPO UNA RISSA

Erano in corso i preparativi per il passaggio del Giro


CISON DI VALMARINO - Ucciso a calci e pugni nel tentativo di sedare una rissa scoppiata all'esterno del proprio locale. La vittima è un barista di 46 anni, Alessandro Sartor gestore di un bar a Tovena di Cison di Valmarino, un piccolo paese della Pedemontana trevigiana. L'uomo verso le due di notte era uscito dal locale e si era diretto nella piazza di fronte per cercare di calmare due fratelli che stavano discutendo animatamente. Doveva essere un giorno di festa a Tovena: da giorni erano in corso i preparativi per il passaggio della 19 esima tappa del Giro d'Italia, la Treviso-San Martino di Castrozza e ieri notte in molti si erano fermati nella piazza del paese per finire gli allestimenti degli stand che avrebbero dovuto accogliere centinaia di tifosi. Il passaggio della carovana rosa è atteso proprio di fronte al locale della vittima per oggi pomeriggio, prima della salita del Passo San Boldo. Quando Sartor si è avvicinato ai due fratelli nel tentativo di sedare gli animi la reazione è stata violentissima: il 46 enne è stato prima spintonato, quindi colpito con calci e pugni e scaraventato a terra. Nell' impatto ha sbattuto il capo sull'asfalto e ha perso conoscenza. Le condizioni dell'uomo sono apparese subito gravissime, qualcuno tra i presenti ha tentato di soccorlo ma il barsita è rimasto a terra immobile, è intervenuta un'ambulanza del Suem118: i medici hanno tentato di rianimarlo sul posto e subito dopo lo hanno trasportato in ospedale a Conegliano. Alessandro Sartor è morto dopo pochi minuti, prima ancora di entrare in sala operatoria. I carabinieri giunti sul posto hanno fermato tutte le persone presenti nella piazza, le hanno identificate e interrogate, alla fine hanno sottoposto a fermo i due fratelli, ora si attende la decisione del giudice che potrebbe far scattare il doppio arresto. La vittima era molto conosciuta a Cison di Valmarino, era attivo nel mondo del volontariato. Nel 2014 si era candidato consigliere comunale nella lista dell'ex sindaco Cristina Pin. (dg)