Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alcuni ex soci delle popolari venete hanno atteso il passaggio del Giro sul Montello

ARRIVA IL GIRO, PROTESTA CHOC DEGLI EX SOCI TRUFFATI

Striscioni ma anche tre fantocci impiccati


TREVISO. Il tam tam sui social era iniziato da qualche giorno e l'appuntamento era sul Montello di prima mattina per inscenare la loro protesta. Manifesti, striscioni e anche tre fantocci "impiccati" per far conoscere a tutto il Paese la loro condizione di ex soci delle popolari truffati e che da troppo tempo attendono i risarcimenti da parte dello stato. Alcuni esponenti del coordinamento Don Torta hanno manifestato in modo pacifico durante il passaggio del Giro d'Italia. La carovana rosa impegnata nella 19esima tappa, la Treviso-San Martino di Castrozza è transitata sul Montello poco dopo le 14 per poi scendere verso Biadene e dirigersi a Valdobbiadene. Gli striscioni sono in parte apparsi anche durante la lunga diretta Rai. E' stata una protesta pacifica, senza tensioni che non ha creato problemi come è accaduto invece ieri a Conegliano col il gesto di uno sconsidarato che prima del passaggio dei corridodi ha gettato un bicicletta sulla carreggiata costringendo i tre fuggitivi a schivare l'ostacolo. L'uomo è stato bloccato da alcuni tifosi e consegnato alla polizia che lo ha identificato. Si tratta di un nordafricano che non ha dato alcuna spiegazione al suo folle gesto. Secondo alcuni testimoni era in eveidente stato di ebbrezza.

Galleria fotograficaGalleria fotografica