Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/271: MATTHEW JORDAN ALL'ULTIMO COLPO NELL'ITALIAN CHALLENGE

L'inglese si impone al playoff sull'azzurro Scalise


MONTEROSI (VT) - Usciamo per un po’ dagli schemi del PGA, e dell’European Tour, per vedere come vanno le cose con l’Italian Challenge. Il Challenge Tour è il tour di golf professionale maschile europeo di secondo livello. È gestito dal PGA European Tour e, come per...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/270: IL GOLF ABBRACCIA LA SOLIDARIETA’

A Ca' della Nave l'undicesimo Trofeo Par 108


MARTELLAGO - Non finisce di stupire il Par 108. È nato bene, ed è un continuo crescendo: per l’affiatamento dei soci, e la buona organizzazione. Domenica il loro Comitato ha programmato una Louisiana a quattro giocatori, 18 buche stableford sul percorso del Club di Ca della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/269: SETTE AZZURRI IN GARA IN GERMANIA PER L'EUROTOUR

Con una spettacolare rimonta Andrea Pavan vince il Bmw International


MONACO DI BAVIERA (GER) - Edoardo Molinari, Guido Migliozzi, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli, Andrea Pavan, Filippo Bergamaschi e Renato Paratore reduce quest’ultimo dall’US Open, sua prima esperienza in un major, scendono in campo al Golf Club München Eichenried di Monaco di Baviera,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'autopsia sul corpo di Alessandro Sartor ha stabilito che non è stato ucciso dai colpi inferti nella collutazione

"UCCISO DA UN INFARTO"

Al vaglio anche i filmati delle telecamere


Alessandro Sartor, il 46 enne morto a Tovena CISON DI VALMARINO. Alessandro Sartor è morto a causa di un infarto e sul corpo non ci sono ferite tale poterlo uccidere. L'esito dell'autopsia sul corpo del caporeparto morto giovedi notte apre nuovi scenari su quello che è accaduto in Piazza a Tovena. Sartor era deceduto pochi minuti dopo l'arrivo con l'ambulanza in ospedale a Conegliano. Il giorno dopo due fratelli di Farra, Alberto e Francesco Stella erano stati fermati e accusati di rissa e omicidio preterintenzionale, il gip ieri li aveva scarcerati prevedendo per uno di loro i domiciliari e per l'altro l'obbligo di firma. I due fratelli si erano sempre dichiarati estranei e avevano detto al giudice che non avevano colpito Sartor, ma lo avevano visto accasciarsi a terra da solo. Ora la procura è in attesa di avere la relazione completa sull'autopsia saranno eseguiti ulteriori accertamenti per stabilire se la vittima soffrisse in qualche modo di una patologia. Nel frattempo i due fratelli sono in libertà senza alcun provvedimento restrittivo. Per chiarire cosa sia realmente accaduto a Tovena verranno analizzati anche i filmati delle telecamere di sorveglianza installate nelle vicinanze del luogo dove è avvenuta la tragedia.