Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/271: MATTHEW JORDAN ALL'ULTIMO COLPO NELL'ITALIAN CHALLENGE

L'inglese si impone al playoff sull'azzurro Scalise


MONTEROSI (VT) - Usciamo per un po’ dagli schemi del PGA, e dell’European Tour, per vedere come vanno le cose con l’Italian Challenge. Il Challenge Tour è il tour di golf professionale maschile europeo di secondo livello. È gestito dal PGA European Tour e, come per...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/270: IL GOLF ABBRACCIA LA SOLIDARIETA’

A Ca' della Nave l'undicesimo Trofeo Par 108


MARTELLAGO - Non finisce di stupire il Par 108. È nato bene, ed è un continuo crescendo: per l’affiatamento dei soci, e la buona organizzazione. Domenica il loro Comitato ha programmato una Louisiana a quattro giocatori, 18 buche stableford sul percorso del Club di Ca della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/269: SETTE AZZURRI IN GARA IN GERMANIA PER L'EUROTOUR

Con una spettacolare rimonta Andrea Pavan vince il Bmw International


MONACO DI BAVIERA (GER) - Edoardo Molinari, Guido Migliozzi, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli, Andrea Pavan, Filippo Bergamaschi e Renato Paratore reduce quest’ultimo dall’US Open, sua prima esperienza in un major, scendono in campo al Golf Club München Eichenried di Monaco di Baviera,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

27 mila cuori in Dogana

BUONA LA PRIMA PER CORE FESTIVAL APEROL SPRITZ

Il bilancio dell’evento e le prospettive future nella lettera aperta del founder, Amedeo Lombardi


Sole, gioia, lo stare insieme e la musica. Questa prima edizione di Core Festival Aperol Spritz si è appena conclusa, la Dogana è ancora brulicante di persone che stanno smontando i palchi ed è già il momento di bilanci e di pensare al futuro.Arrivavamo da una lunga esperienza di nove anni, ma abbiamo rivisto tutto il progetto, rimodulato l’area per realizzare un evento che ha portato circa trentamila persone nei tre giorni: settemila il venerdì, undicimila il sabato e novemila la domenica. Tra di loro, un mondo fatto di circa seicento lavoratori impegnati notte e giorno tra stand, palchi, backstage, bar e punti cibo, sicurezza, viabilità. Tutto per far esibire più di cinquanta artisti, che hanno portato a Treviso altri cinquecento addetti ai lavori: manager, direttori artistici, professionisti della musica che conta in Italia. A sostenere il sistema, un network di una quarantina di aziende, che a diverso titolo hanno lavorato o sostenuto Core Festival Aperol Spritz. In area, poi, erano presenti 170 giornalisti, rappresentanti delle maggiori testate di settore che si sono impegnati per raccontare al meglio l’evento.
Questi sono i numeri che descrivono l’enorme network di realtà imprenditoriali e culturali impiegate per un evento come Core Festival Aperol Spritz, ma soprattutto per far capire le potenzialità di questo progetto. Abbiamo di fronte una visione pluriennale che metterà in mostra tutte le bellezze e tutte le eccellenze trevigiane e venete.Di qui, il desiderio e la proposta che rivolgo alla città di Treviso: con l’aiuto e la collaborazione di tutti possiamo ipotizzare di portare il nucleo in centro città, dando ancora più lustro al nostro bene più prezioso, diventando assieme un solo cuore che batterà all’unisono durante quei giorni. Siamo sicuri che il modello che abbiamo fatto nascere abbia la possibilità di svilupparsi e sarà capace di adattarsi negli anni alle tendenze artistiche e ai modi di vivere.
Per questo, vogliamo annunciare fin da subito le nuove date della prossima edizione. Sarà sempre lo stesso weekend, quello che apre l’estate dei grandi festival: appuntamento dal 12 al 14 giugno 2020.
In chiusura, vorrei fare i miei ringraziamenti: li lascio per ultimi, anche se in realtà sono la prima cosa a cui penso ogni mattina, quando mi sveglio e mentre passeggio in città. Mi rivolgo a tutti quelli che fanno parte o credono in questo progetto. Avevo iniziato a scrivere una lista, ma mi sono accorto che era impossibile fare l’elenco dei nomi e dei cognomi di tutte le persone che mi sono state vicine. Servirebbero mille pagine, e ancora mi dimenticherei di qualcuno. Per questo, a tutti rivolgo un grazie: avete dato il cuore per il nostro Core, il cuore di Core siete voi.

Amedeo Lombardi, founder Core Festival Aperol Spritz