Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/265: KOEPKA FA SUO IL SECONDO MAJOR DI STAGIONE

Disputato per la prima volta a maggio, il Championship regala spettacolo


FARMINGDALE (USA) - Il secondo major, il Championship, giunto alla 101ª edizione, ha luogo per la prima volta a Farmingdale, nel Long Island, stato di New York, sul difficile percorso del Bethpage Black Course (par 70), che sarà sede della Ryder Cup 2024. È la prima volta che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La maggior parte degli assegni arriveranno a 2-300 euro o meno

REDDITO DI CITTADINANZA, IN POCHI RICEVERANNO IL SUSSIDIO PIENO

Il Caaf della Cgil ha presentato finora 2.644 domande


TREVISO - Il Caaf della Cgil di Treviso, uno dei maggiori del Nordest, fino ad oggi ha presentato 2.644 domande di reddito di cittadinanza. La grande maggioranza di questi richiedenti, anche qualora l’istanza venga definitivamente approvata dall’Inps, dovrà accontentarsi di un assegno di 2-300 euro o addirittura di qualche decina di euro al mese.
Basti dire che dell’intero contingente, appena 296 utenti hanno un Isee, il principale requisito per accedere al reddito, pari a zero e, dunque possono aspirare al sussidio pieno di 780 euro mensili. Per gli altri il contributo verrà progressivamente decurtato. E già il fatto di disporre di una casa di proprietà comporta automaticamente una riduzione di 280 euro.
Per molti, dunque, avvertono Mauro Visentin e Paolino Barbiero, rispettivamente segretario confederale e segretario dei pensionati della Cgil trevigiana, si prospetta una delusione rispetto alle aspettative iniziali: tanto che più di qualcuno ha chiesto di poter ritirare la domanda già avanzata, per non dover sottostare agli obblighi imposti dal provvedimento.
Tra i tanti utenti venuti agli sportelli del sindacato non sono mancati anche casi particolari, da persone agli arresti domiciliari, a un utente che è risultato disporre di diverse centinaia di migliaia di euro depositati nei conti correnti propri e dei familiari, come ricorda Monica Giomo, amministratore delegato del Caaf Cgil Treviso.
Ma le strutture sindacali, in questi mesi sono state impegnata anche nella compilazione delle pratiche per quota 100: 462 quelle elaborate tra gennaio e maggio, dal patronato Inca su 1.354 presentate nella Marca. A queste si aggiungono poi le 404 richieste di pensione anticipata, 68 per lavoratori precoci e altrettante per l’opzione donna. In totale 1.002 persone che hanno chiesto di lasciare il posto di lavoro prima del previsto.
Altro fronte, quello degli assegni familiari: il recente passaggio all’invio telematico rischia di provocare un ingorgo, come conferma Silvia Bresolin direttrice del patronato Inca Cgil di Treviso.