Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Depositato il brevetto per la riduazione delle emissioni termiche

UN BREVETTO PER RIDURRE LE EMISSIONI

Il progetto di Giorgio Eberle eseguito con l'Università di Torino


Giorgio Eberle, imprenditore TREVISO. “Ritengo che la soluzione per risolvere in parte l’importantissimo problema dei cambiamenti climatici, sia da ricercare principalmente dalle varie emissioni in atmosfera delle aree urbane -ha dichiarato Giorgio Eberle- imprenditore veneto che ha depositato nei giorni scorsi un brevetto (eseguito in collaborazione con il centro studi dell’università di Torino) per la riduzione delle emissioni termiche”. – e continua- “Tutti sappiamo che il calore generato da una combustione, una volta prodotto, questo non si può in nessun modo eliminare, così i fumi e i rispettivi inquinanti, vengono “dispersi in atmosfera” alzando così la temperatura, essendo consapevoli che se fossero trattati all’interno dei locali, sarebbero letali per l’uomo. E’ chiaro che disperdere questi fumi e inquinanti nell’aria, non è sicuramente la soluzione migliore”. La scelta dell’inventore, è stata quella di recupere il calore dei fumi portando la temperatura fumi a temperatura ambiente, prima dell’uscita in atmosfera, questo, usando un sistema in cui tutte le aree urbane sono oggi munite ovvero “acquedotto”, il recupero del calore d’uscita dai fiumi e il suo riutilizzo, sarà automaticamente imposta dal sistema. La temperatura dell’acquedotto attuale varia in base alle stagioni, inverno C° 8/10, in estate 16/20, con un delta medio annuo di 8/10 C° pertanto l’aumento della temperatura dell’acquedotto generata dal sistema è quasi insignificante, però molto importante per la riduzione del consumo dei combustibili; con 1 solo grado C° di aumento della temperatura dell’acquedotto generata dal Sistema, corrisponde a circa 14,8% di recupero/risparmio di combustibile e conseguente inquinamento. Da uno studio effettuato per l’anno di riferimento, 2008, di un’azienda distributrice di gas in provincia di Treviso, con un portafoglio di 360.000 utenti, sul totale del gas distribuito, lo 0,27% di utenti consumava il 50% del totale gas/anno. E il 3% degli utenti il 75%, questo sta a dimostrare che con una minima percentuale di applicazioni del sistema, si riduce un’importante percentuale d’inquinamento termico, con il risparmio del calore recuperato dal “sistema” e trasferito all’acquedotto, si pagano ampiamente i costi del “Sistema” e la sua intera gestione, ecco perché la soluzione dei cambiamenti climatici è definita a costo zero”.