Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/268: L'U. S. OPEN METTE IN PALIO LA LEADERSHIP MONDIALE

Trionfa Gary Woodland, a Molinari non riesce la rimonta


PEBBLE BEACH (USA) - È il terzo major stagionale americano, ha luogo a Pebble Beach Golf Links in California, una delle maggiori sedi di Golf nel mondo. Sono due gli azzurri a disputare questo importante torneo. Francesco Molinari è affiancato da Renato Paratore, il giovane romano che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Martedì 18 giugno al Teatro de la Sena di Feltre

IL GRAN FINALE DELLA RASSEGNA DEDICATA A BUZZATI

“Il reggimento parte all’alba. Storia di Ottavio Sebastiàn”


FELTRE - Martedì 18 giugno alle 21.00 il Teatro de La Sena di Feltre ospiterà “Il reggimento parte all’alba. Storia di Ottavio Sebastiàn” con Giuseppe Nitti, gran finale della rassegna teatrale dedicata a Dino Buzzati che il Circolo Cultura e Stampa Bellunese, con la collaborazione del Comune di Feltre e dell’Associazione Internazionale Dino Buzzati, ha promosso nella splendida cornice feltrina.
Nitti, interpreterà la vicenda sotto la regia di Alessio Pizzech, accompagnato dalle musiche originali di Alessandro Panatteri.
“La storia di Ottavio Sebastiàn – spiega Giuseppe Nitti che ha riadattato il pezzo per il teatro - racconta di un viaggio, necessario, che ogni uomo, ad un certo punto della vita, deve intraprendere. Prepararsi al viaggio è tutto, e Ottavio sente il bisogno urgente di ritrovare ciò che negli anni ha perso, riscoprire i temi fondanti, antichi, della sua vita, e rivederla con occhi nuovi. Scritto da Buzzati a pochi mesi dalla morte, il testo parla degli ultimi istanti di vita di un uomo, il quale decide di recarsi per un'ultima volta nei luoghi cari, alla ricerca di un'orma rimasta al mondo della madre, morta da sette anni, ma secondo Ottavio ancora presente, in qualche forma, da qualche parte. Il reggimento parte all’alba, e durante la notte è possibile e necessario riscoprirsi uomini nel mondo, con una funzione, uno scopo, un senso. Ottavio è un uomo che sa di non poter partire se prima non ha recuperato i pezzi della sua anima, dispersa nella terra che lo circonda, tra le irraggiungibili montagne di vetro che da sempre lo osservano”.
“Questo racconto – conclude Nitti - ha una grande componente autobiografica, rispecchia il rapporto di Dino Buzzati con la morte, le persone e i luoghi.
È infatti uno dei suoi ultimi scritti, una sorta di testamento, nel quale, tramite questo viaggio alla ricerca del Sé, riscopre ciò che veramente conta nella vita. Sebbene il testo sia meno frequentato e conosciuto rispetto alla grande produzione dell'autore, ha una grande forza poetica, e portarlo in scena consente agli spettatori di scoprire aspetti molto forti benché meno noti del grande scrittore bellunese”.