Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/271: MATTHEW JORDAN ALL'ULTIMO COLPO NELL'ITALIAN CHALLENGE

L'inglese si impone al playoff sull'azzurro Scalise


MONTEROSI (VT) - Usciamo per un po’ dagli schemi del PGA, e dell’European Tour, per vedere come vanno le cose con l’Italian Challenge. Il Challenge Tour è il tour di golf professionale maschile europeo di secondo livello. È gestito dal PGA European Tour e, come per...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/270: IL GOLF ABBRACCIA LA SOLIDARIETA’

A Ca' della Nave l'undicesimo Trofeo Par 108


MARTELLAGO - Non finisce di stupire il Par 108. È nato bene, ed è un continuo crescendo: per l’affiatamento dei soci, e la buona organizzazione. Domenica il loro Comitato ha programmato una Louisiana a quattro giocatori, 18 buche stableford sul percorso del Club di Ca della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/269: SETTE AZZURRI IN GARA IN GERMANIA PER L'EUROTOUR

Con una spettacolare rimonta Andrea Pavan vince il Bmw International


MONACO DI BAVIERA (GER) - Edoardo Molinari, Guido Migliozzi, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli, Andrea Pavan, Filippo Bergamaschi e Renato Paratore reduce quest’ultimo dall’US Open, sua prima esperienza in un major, scendono in campo al Golf Club München Eichenried di Monaco di Baviera,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A capo dell'organizzazione una donna moldava, compagna del killer di Villorba

PROSTITUTE A CASA, SGOMINATA LA BANDA

Tra le sfruttate anche una minorenne. Decine di clienti interrogati


TREVISO. Erano in grado di gestire tre case per appuntamenti clandestine. Un giro di prostituzione in cui sette ragazze, tra cui una minorenne di 17 , incontravano ogni settimana decine di clienti. In alcuni casi erno loro stesse a recarsi presso le abitazioni dei clienti. In questo caso le tariffe arrivavano anche a 200 euro. Operazione contro lo sfruttamento della prostituzione da parte dei carabinieri di Treviso. Tre le persone finite nei guai. A capo dell’organizzazione una moldava di 33 anni arrestata e messa ai domiciliari. Altre due persone che gestivano la logistica e gli spostamenti delle ragazze sono indagate e hanno l’obbligo di presentazione in caserma. Una quarta persona è stata denunciata. Le indagini sono partite dall’omicidio di Villorba dello scorso gennaio quando un ragazzo moldavo di 26 anni venne accoltellato in piazza al termine di una lite. A finiere in carcere con l’accusa di omicio un connazionale, il compagno della donna arrrestata nell’operazione odierna. La donna - hanno precisato i carabinieri - non ha un ruolo nel delitto di gennaio, ma i pedinamenti, le intercettazioni hanno consentito di scoprire il giro di sfruttamento. Le ragazze venivano reclutata in Moldavia e una volta nella Marca avevano a disposizione un telefonino dove chiamavano i clienti. Il numero veniva pubblicixzzato assieme ad alcune foto delle stesse in sti per incontri a luci rosse. Dopo il clamore mediatico a seguto dell’omicidio la casa squllo venne trasferita da Villorba a Zero Branco e successivamente a Silea. Durante le indagini i carabinieri hanno ascoltato anche numerosi clienti delle lucciole i cui numeri telefonici erano rimaste nelle schede dei cellulari. Si tratta per la maggior parte di trevigiani molto facoltosi.