Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Interrogatorio in ospedale per lo studente 22enne arrestato dopo l'incidente di Povegliano

"NON L'HO VIOLENTATA E NON VOLEVO FAR MALE A NESSUNO"

Il giovane nega di aver usato violenza. La sbandata mortale? "Stavamo litigando"


TREVISO. Non voleva uccidersi nè tantomeno ammazzare la sue ex fidanzata. La sbandata in auto è stata involontaria ed è stata dovuta alla lite scoppiata in auto. Christian Barzan, il 22enne arrestato con l'accusa di omicidio e violenza sessuale è stato interrogato dal gip nella sua stanza di ospedale al Cà Foncello di Treviso. Lo studente universitario è accusato anche dell'omicidio della pensionata trevigiana di 62 anni Giuseppina Lo Brutto, morta nell'incidente stradale a Povegliano. Assistito dal suo avvocato Fabio Crea il giovane ha anche spiegato al gip che non intendeva uccidere nessuno e che le frasi pesanti via sms inviate alla sua ex ragazza sarebbero legate a un momento particolare di crisi personale e sentimentale. Secondo il legale difensore "i due ex fidanzati si sono incontrati in un luogo appartato; hanno avuto un rapporto sessule consenziente poi quando è stato il momento di avviarsi verso casa sono riesploso i risentimenti".