Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdì 21 giugno seminario sui reati informatici con il magistrato Ciro Santoriello

A TREVISO IL PROCURATORE ANTI CYBERCRIMES

Boom di queste attività illecite: anche l’azienda “vittima” può essere ritenuta corresponsabile


TREVISO. Nel 2018 gli attacchi informatici ai danni di aziende trevigiane sono aumentati del 44%: se ne conta ormai più di uno al mese di media. A commetterli sono se mpre più spesso vere e proprie organizzazioni criminali specializzate , allo scopo di estorcere denaro o sottrarre informazioni per ricavarne comunque un tornaconto economico. Ancora maggiore, più 57% in un anno, infatti, è in particolare, il boom dello spi onaggio
industriale e del furto di proprietà intellettuale on line.
I dati locali, diffusi in occasione del recente Security Summit svoltosi a Treviso a fine maggio, si inseriscono in un trend di netta crescita dei “cyber crimes” a livello nazionale e globale. Da ormai alcuni anni, il legislatore ha introdotto nel codice penale specifiche fattispecie d i reati commessi per mezzo delle nuove tecnologie informatiche e telematiche.
Non ci sono però solo minacce dall’esterno: possono costituire reato penale an
che alcuni comportamenti messi in atto da lavoratori dell’azienda, alle volte per procurare un (illecito) vantaggio all’impresa stessa.
Quali sono le azioni che configurano un crimine informatico? Quali sono le conseguenze penali per chi ne è materialmente l’autore, sia esso un esterno o un interno? I n che modo e a quale titolo può essere coinvolta la ditta interessata, ad esempio riguardo ai nuovi obblighi di protezione dei dati?
A questee ad altre domande cercherà di rispondere il seminario “I reati in formatici: risvolti penali per il dipendente e per l’azienda”, in programma venerdì 21 giugno 2019, presso UNIS&F Lab (V ia Venzone , 12 Treviso ) approfondendo a nche l aspetto tecnico informatico legato al tema.
Tra i relatori, un magistrato da tempo in prima linea su questa nuova frontiera dell’attività criminale: il dottor Ciro Santoriello, sostituto procuratore alla Procura della Repubblica di Torino. Rivolto a imprenditori, responsabili IT, delle risorse umane o dell’ufficio legale, liberi professionisti, l’appuntamento è organizzato da UNIS&F , società di servizi e forma zione del sistema Confindustria che opera nelle province di Treviso e Pordenone.