Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/341: COME FUNZIONA LA QUALYFING SCHOOL?

Alla scoperta dei tornei che promuovono alle competizioni maggiori


TREVISO - Questa settimana andiamo a vedere da vicino come funziona la “Qualifying School”, la serie di tornei dell’Alps Tour che promuovono i talenti mondiali a ottenere la “carta” che permette di partecipare alle competizioni, e come sono regolate le classifiche...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Miglior corto "Landing" di Shirin Sabai

"GLI INDOCILI" VINCE L'ASOLO ART FILM FESTIVAL

Il film di Ana Shametaj sulla vita di 12 performer


Si è conclusa ieri la 37^ Edizione di Asolo Art Film Festival, la rassegna dedicata al Cinema che celebra l'Arte. Il Gran Premio di Asolo è stato assegnato al film "Gli indocili" di Ana Shametaj: una storia su 12 performer raccontata in maniera onesta ed immediata. "Five Seasons" di Thomas Piper è stato giudicato il Miglior lungometraggio sull'Arte, conquistandosi il Premio Asolo. Mentre nella sezione dei corti, ha vinto "Landing" di Shirin Sabai, per la leggerezza dello sguardo su un'architettura magnificente e misteriosa.
Tra i Premi anche la Miglior opera di Post Internet Art, andato a "Weeping on a Pile Carpet" di Desirèe Nakouzi De Monte e Andrea Parenti.