Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/282: LA SOLHEIM CUP 2019 PRENDE LA VIA DELL'EUROPA

La squadra del Vecchio Continente si impone sugli Usa nel massimo torneo femminile


GLENEAGLES  (SCOZIA) - La Solheim Cup è la massima espressione del golf delle donne, la sfida al femminile della Ryder Cup, rispetto a cui ha una storia più recente. Ha preso il nome dall’ideatore del torneo, Karsten Solheim, noto fabbricante di attrezzi sportivi conosciuti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/281: LE PROMESSE DEL GOLF EUROPEO FEMMINILE A VILLA CONDULMER

La padovana Benedetta Moresco trionfa all'Internazionale under 18


MOGLIANO VENETO - È il secondo anno consecutivo che Golf Villa Condulmer ospita questo importante campionato, l’Internazionale femminile under 18; da qui, spunteranno le future Campionesse del Tour europeo. Ben dodici le nazioni partecipanti, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Croazia,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/280: OMEGA MASTERS, UN CLASSICO TRA LE ALPI

Nove gli italiani al torneo dell'European Tour


CRANS MONTANA (SVIZZERA) - L’Omega Masters è uno dei tornei classici dell’European Tour. La storia di questo torneo, seppur con diverso nome (all’epoca Swiss Open), risale al 1905. È la tappa svizzera del tour europeo del golf maschile professionistico, in cui si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Miglior corto "Landing" di Shirin Sabai

"GLI INDOCILI" VINCE L'ASOLO ART FILM FESTIVAL

Il film di Ana Shametaj sulla vita di 12 performer


Si è conclusa ieri la 37^ Edizione di Asolo Art Film Festival, la rassegna dedicata al Cinema che celebra l'Arte. Il Gran Premio di Asolo è stato assegnato al film "Gli indocili" di Ana Shametaj: una storia su 12 performer raccontata in maniera onesta ed immediata. "Five Seasons" di Thomas Piper è stato giudicato il Miglior lungometraggio sull'Arte, conquistandosi il Premio Asolo. Mentre nella sezione dei corti, ha vinto "Landing" di Shirin Sabai, per la leggerezza dello sguardo su un'architettura magnificente e misteriosa.
Tra i Premi anche la Miglior opera di Post Internet Art, andato a "Weeping on a Pile Carpet" di Desirèe Nakouzi De Monte e Andrea Parenti.