Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ex presidente si č dichiarato estraneo ai fatti

CRACK VENETO BANCA, TRINCA SENTITO PER TRE ORE

Secondo l'accusa avrebbe favorito l'operato di Consoli


TREVISO. Flavio Trinca si è dichiarato totalmente estraneo ai fatti. L'ex presidente di Veneto Banca è stato interrogato per tre ore dal pubblico ministero titolare dell'inchiesta sul crak dell'istituto di credito di Montebelluna. Era stato proprio Trinca a chiedere di essere ascoltato, dopo la notifica della chiusura delle indagini. Flavio Trinca è indagato insieme all'ex amministratore delegato Consoli per concorso in aggiotaggio e ostacolo  alla vigilanza bancaria. L'ex presidente di Veneto Banca si è presentato questa mattina in Procura accompagnato dal suo legale, l'avvocato Fabio Pinelli, che ha anche depositato una memoria difensiva scritta.

"Abbiamo spiegato nel dettaglio la nostra posizione - ha detto al termine dell'interrogatorio il difensore- rappresentando al magistrato ciò che ci porta a sostenere l'assoluta estraneità ai fatti che vengono contestati". Secondo l'accusa  Trinca avrebbe agito, sfruttando la propria posizione di presidente del consiglio di amministrazione, per favorire le attività di cui viene accusato Consoli.
"Ma Trinca non aveva questo potere e soprattutto, rispetto alle ipotesi relative all'ostacolo alla vigilanza attraverso la realizzazione di documenti che descrivevano un condizione della banca diversa dalla realtà, non aveva poteri e deleghe in questo senso", ha spiegato il suo difensore.