Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE ╚ L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I ragazzi che hanno pestato i tre bagnini se ne vantano sui social

IL VIDEO DELLA BABY GANG

Spregiudicati e violenti, postano anche il video su Instagram


Oltre al pestaggio davanti a decine di bagnanti, girano anche i video sui social.
I giovani trevigiani che hanno pestato i tre bagnini a Jesolo domenica, se ne sono subito vantati con alcuni video su Facebook e Instagram in cui insultano i bagnini mandando loro messaggi come “Sei in ospedale eh, sei un infame, torna a piangere..”.
Nessuna preoccupazione nel mostrarsi e farsi riconoscere. Non li scalfisce neanche la possibilità di ricevere una denuncia per rissa e lesioni. La polizia fino ad ora ne ha identificati una ventina: alcuni di loro abitano a Treviso, altri nei comuni periferici. Hanno tra i 15 e i 18 anni, e non sono per nulla pentiti del gesto, anzi, se ne vantano con stories su Instagram e video su Facebook scatenando l’idignazione della gente che propone punizioni esemplari questi ragazzi che si sono dimostrati violenti, straffottenti e volgari.