Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualitā
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, Č 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/338: ALL'ASOLO GOLF IL TROFEO CA' DEL POGGIO

Evento tra sport, musica e convilitā, con star Mal dei Primitives


SAN PIETRO DI FELETTO - Una partita di Golf coronata da una gustosissima serata. Centoquattro hanno partecipato alla gara: musicisti, cantanti o semplicemente amanti della musica, al seguito di Paul Bradley Couling, in arte Mal dei Primitives. Era la tappa finale del Challenge AICMG,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"A gettone prendiamo il doppio"

FUGA DI MEDICI DAGLI OSPEDALI

Stpendi bassi, ore di straordinario non pagate e turni impossibili


Continua la carenza di medici, ma non solo a causa della selettività universitaria.
Il vero problema sono le condizioni lavorative in ospedale. Fuga quindi di decine di specialisti dagli ospedali, primari inclusi, che a fronte di carichi di lavoro insopportabili e centinaia di ore di straordinario non pagate, preferiscono rinunciare al posto fisso e mettersi in gioco da free lance.
C'è chi ha decisodi intraprendere la via dell'ambulatorio a causa della svalorizzazione del lavoro da medico in ospedale, perché con la libera professione si lavora meno e si guadagna di più.
La denuncia arriva dagli stessi professionisti che affermano:
"A gettone, in aziende private o cooperative, prendiamo il doppio. I più ricercati, come i medici di Pronto Soccorso, possono incassare oltre 20mila euro in 20 giorni". Il lavoro in ospedale in questi anni si è trasformato, è saltato il rapporto col paziente, i ritmi sono insostenibili, i turni infiniti, e contano solo i numeri. Il rischio di commettere errori in queste condizioni aumenta.
La responsabilità medico-legale è alta, e gli stipendi non sono adeguati.
A malincuore molti medici lasciano gli ospedali in cui hanno lavorato per venti, trent'anni, ma la situazione, denunciano, purtroppo è veramente disastrosa. E se non si rende attrattivo il mestiere del medico ospedaliero, si arreca un grave danno ai cittadini, attraverso una carenza irreparabile del Sistema pubblico.