Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Zaia: "Siamo alla farsa, ora il Governo è a rischio"

AUTONOMIA, SALTA IL VERTICE

Per Luigi di Maio il nodo è l'autonomia scolastica


VENEZIA. Scontro e rottura tra Lega e M5S sull'Autonomia. Il vertice in programma a Palazzo Chigi, quello che alla vigilia doveva essere risolutivo per avviare l'iter è saltato. «La Lega ha proposto di inserire le gabbie salariali, ovvero alzare gli stipendi al Nord e abbassarli al Centro-Sud. Per il M5S è totalmente inaccettabile», hanno spiegato fonti pentastellate. Ma il vero scontro è stato sul tema scolastico. il tavolo sull'autonomia si è bloccato sulla regionalizzazione della scuola. Un bambino non sceglie in quale regione nascere: noi dobbiamo garantire l'unità della scuola così come l'unita nazionale», ha spiegato il leader M5S. «Siamo davanti a una farsa, un' autentica farsa. Sono stanco di vedere come alcuni vogliono portare l'autonomia verso l'agonia. Sappiano però che, finché ci sarò io, l'autonomia non sarà morta né, tanto meno, le istanze dei veneti». Così il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, commenta l'esito negativo del vertice. «È scandaloso - osserva Zaia - che si continui a prendere in giro i cittadini, non solo i veneti ma anche quelli delle dodici Regioni che hanno avviato passi in direzione dell'autonomia, e che si voglia rieditare il conflitto tra nord e sud. Si vuol trasformare l'autonomia in un cadavere eccellente - rileva Zaia - ma si sappia che la forza dei 2 milioni 328 mila veneti che hanno votato il nostro referendum per l'autonomia e di quelli di tutte le altre Regioni che la vogliono, è un fiume in piena inesorabile». «È scandaloso - prosegue - che ci siano persone a livello governativo incapaci persino di mantenere la parola data». Luca Zaia, chiede «formalmente ai grillini di presentare subito agli italiani la loro proposta di autonomia». «Visto che si sprecano quotidianamente nel commentare la nostra - osserva -, diamo per scontato che di autonomia sanno tutto, e quindi presentino immediatamente, non tra mesi come altre cose che stiamo aspettando, la loro proposta, con un articolato e con la bozza d'intesa che intendono portare al Paese». «Continuando a prendere in giro i cittadini, i 5 stelle condannano il Sud al Medioevo e il Nord all'agonia - conclude Zaia - credo che siamo ormai l'unico Paese al mondo in cui c'è ancora chi vede l'autonomia come un problema e non come una opportunità».

nel link l'intervista a Luca Zaia

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica