Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/282: LA SOLHEIM CUP 2019 PRENDE LA VIA DELL'EUROPA

La squadra del Vecchio Continente si impone sugli Usa nel massimo torneo femminile


GLENEAGLES  (SCOZIA) - La Solheim Cup è la massima espressione del golf delle donne, la sfida al femminile della Ryder Cup, rispetto a cui ha una storia più recente. Ha preso il nome dall’ideatore del torneo, Karsten Solheim, noto fabbricante di attrezzi sportivi conosciuti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/281: LE PROMESSE DEL GOLF EUROPEO FEMMINILE A VILLA CONDULMER

La padovana Benedetta Moresco trionfa all'Internazionale under 18


MOGLIANO VENETO - È il secondo anno consecutivo che Golf Villa Condulmer ospita questo importante campionato, l’Internazionale femminile under 18; da qui, spunteranno le future Campionesse del Tour europeo. Ben dodici le nazioni partecipanti, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Croazia,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/280: OMEGA MASTERS, UN CLASSICO TRA LE ALPI

Nove gli italiani al torneo dell'European Tour


CRANS MONTANA (SVIZZERA) - L’Omega Masters è uno dei tornei classici dell’European Tour. La storia di questo torneo, seppur con diverso nome (all’epoca Swiss Open), risale al 1905. È la tappa svizzera del tour europeo del golf maschile professionistico, in cui si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per la rassegna "Incontri musicali d'estate"

DIALOGHI IN PIÙ STILI TRA VIOLINO E VIOLONCELLO

Concerto di Elena Abbati e Giulio Padoin venerdì 12 luglio



TREVISO -
Al via il secondo appuntamento con gli "Incontri musicali d'estate" promossi dall'Associazione Culturale e la Redazione di Radio Veneto Uno, con la collaborazione del Comune di Farra di Soligo, la Parrocchia e la Pro Loco di Col S. Martino.
Un ciclo di concerti previsti per i venerdì sera del mese di luglio, dedicati alla memoria di Antonio e Sara Ghizzo.
La sede, come da tradizione, è la storica Chiesa di San Vigilio a Col San Martino, sorta intorno al X secolo sulla collina che domina dall'alto Col San Martino e tutta la vallata fino al fiume Piave. Una realtà ben nota per l’eccezionale qualità dell’acustica e per la bellezza della vista panoramica.
I protagonisti delle quattro serate sono stati scelti tra i giovani talenti, affermati artisti e affermati grandi protagonisti, tutti di rango internazionale.
Dopo il concerto del duo Bastanzetti – Stevanato dello scorso venerdì che ha riscosso un gran successo emozionando il pubblico, la rassegna musicale prosegue con altri due giovani e affermati musicisti: la violinista Elena Abbati e il violoncellista Giulio Padoin che proporranno il concerto “Dialoghi in più stili tra violino e violoncello”.
L'appuntamento è per venerdì 12 luglio alle 20.45 alla storica chiesetta di San Vigilio.
In programma la Sonata in re maggiore op.4 n.6 di Francesco Geminiani, la Serenata in la maggiore op.12 n.6 di Francesco Bonporti, e a seguire il Capriccio in do minore di Giuseppe Dall'Abaco. In chiusura del concerto la Sonata in do minore RV 5 per violino e basso continuo di Antonio Vivaldi e il Duo in la maggiore op.5 n.2 di Heinrich Hoffmann.
 
Gli incontri musicali proseguiranno i prossimi due venerdì di luglio con Giovanni Battista Scarpa e Stefano Bruni nel concerto “Una valigia per Duo”, il 19 luglio alle 20.45.
Per l'occasione i due musicisti eseguiranno le musiche di Telemann, Mattheson e Haydn, ma non solo. E dopo indiscutibili talenti e affermati professionisti, a chiudere gli incontri musicali d’estate, un duo consolidato composto da due fenomenali esponenti della “Scola Granda” di musica veneta: Giuseppe Barutti al violoncello e Massimo Scattolin alla chitarra, venerdì 26 luglio, con le musiche di Schubert ed altri brani composti ed arrangiati dallo stesso Maestro Massimo Scattolin.
 L'ingresso a tutti i concerti è libero, e la cittadinanza è invitata.
 

Elena Abbati suona in diverse formazioni da camera in Svizzera, Italia e Francia dedicandosi allo studio e alla ricerca della prassi storica.
Dopo il diploma di Bachelor col massimo dei voti alla Musikhochschule di Freiburg con Julia Schröder e Gottfried Von der Goltz, la sua passione per la musica antica la porta a Basilea dove affianca lo studio del violino moderno nella classe di Raphaël Oleg con quello del violino barocco nella classe di Leila Schayegh alla Schola Cantorum, ottenendo due Master Performance e Pedagogy.
Frequenta masterclasses con Amandine Beyer, David Plantier, Chiara Banchini, Christian Bezuidenhout, Alessandro Moccia...
Ottiene borse di studio dall’Associazione De Sono Torino, Adelhausen Stiftung, Hirschmann Stiftung.
Elena collabora con orchestre moderne e ensembles barocchi quali Kammerorchester Basel, Orchestre de la SuisseRomande, Orchestra Nazionale della Rai, Teatro Regio di Torino, Academia Montis Regalis, Il Pomo D’Oro, L’Onda Armonica (S.Azzolini), Il Capriccio, Bach Akademie Lucerne, Bremer Barockorchester...
La sua curiosità per altre realtà sociali e musicali la porta in Bolivia nel 2014 ed in Kosovo nel 2016 dove tiene corsi di violino e di musica d’insieme per giovani musicisti e concerti da camera di musica tradizionale e contemporanea.
 
Giulio Padoin si è diplomato in violoncello con il massimo dei voti presso il Conservatorio A. Steffani di Castelfranco Veneto con Walter Vestidello. Ha poi frequentato masterclasses internazionali di violoncello con Enrico Bronzi e con Christian Poltéra. Il suo interesse per la musica antica lo ha portato a specializzarsi con Marco Testori all'Universität Mozarteum di Salisburgo, dove ha conseguito con il massimo dei voti il master’s degree in violoncello barocco e con Cristophe Coin alla Schola Cantorum Basiliensis di Basilea, dove sta frequentando il master’s degree in pedagogia musicale. Ha inoltre approfondito la prassi esecutiva barocca con Walter Vestidello, Stefano Veggetti, Stanley Ritchie, Jos Van Immerseel e Catherine Jones.
Come strumentista ha al suo attivo collaborazioni con numerosi gruppi ed orchestre tra cui Accademia Bizantina (incidendo per l’etichetta Naive), Venice Baroque Orchestra (con Franco Fagioli al Cankarjev Dom, Lubiana, Slovenia), Ensemble Talenti Vulcanici della Fondazione Pietà de' Turchini di Napoli (incidendo con Giulia Semenzato e Raffele Pe per l’etichetta Outhere Music), Camerata Bachiensis (Lipsia, Germania), L’arsenale (ensemble di musica contemporanea con il quale ha eseguito a Treviso e Macerata il concerto-spettacolo Variété di Mauricio Kagel).
Assieme al violinista Claudio Rado e ad altri musicisti ha fondato Contrarco Baroque Ensemble, gruppo che esegue musiche dei secoli XVII e XVIII su strumenti originali, seguendo le prassi esecutive storiche. Con questo gruppo è stato invitato al Risonanze Festival 2017 a Malborghetto (Udine) collaborando con la solista Anna Fusek e al Festival Urbino Musica Antica 2019.