Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/351: DOPPIO EAGLE ALL'ULTIMO GIRO, BERGER VINCE L'AT&T PEBBLE BEACH

Il 28enne sorpassa in volata NcNealy, crolla invece Molinari


STATI UNITI - Siamo in California, a Pebble Beach, nella Contea di Monterey, piccola comunità sulla costa del pacifico. Si gioca una Pro-Am atipica, che a causa dell’emergenza sanitaria non viene giocata in compagnia delle celebrità come d’uso, è quindi una normale...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una 35 enne aggredita in un'area di servizio di Vazzola

BOTTE E INSULTI ALLA BENZINAIA MAROCCHINA, "MA NESSUNO HA VISTO"

Identificato un uomo, appello sui social per cercare testimoni


La foto di Susy postata su Facebook

VAZZOLA. Picchiata e insultata per un colpo di clacson. Susy è una 35enne originaria del Marocco che fa la benzinaia a Vazzola. Venerdì scorso si è presentata ai carabinieri per denunciare l'aggressione subita nel piazzale del distributore Energyca di Vazzola. Mancavano pochi minuti alle 15 quando stava entrando con la sua auto sul piazzale per iniziare il turno di lavoro, ha visto un furgone bianco sfrecciare a tutta velocità per raggiungere il bar adiacente alla stazione si servizio. Un colpo di clacson per far notare all'autista che è pericoloso guidare in quel modo in un piazzale dove transitato i clienti e poi le botte. L'autista è sceso dal furgone e l'ha colpita con una sberla che le ha fatto perdere gli orecchini e sanguinare l'orechio, poi un calcio all'altezza del ginocchio che le ha causato un ematoma. Il tutto condito da frasi e insulti a sfondo razziale: "Negra di m., torna in Marocco", "Negretta, puzzi...". L'autista del furgone bianco se ne è andato dopo pochi minuti indisturbato, nessuno tra i clienti e il gestore del bar sembra aver visto niente. La 35enne ha sporto denuncia per le botte e per gli insulti e ora i carabinieri stanno cercando di chiarire cosa sia accaduto. Il presunto aggressore è stato identificato grazie al numero di targa del furgone ma le telecamere dell'area di servizio non avrebbero ripreso la scena e non ci sarebbero testimoni oculari dell'aggressione. Per questo Luca Vazzoler, il gestore del distributore fa un appello sui social: "Se qualcuno sa o ha visto qualcosa parli, non si può lasciare impunito chi si comporta in quel modo, non si può rimanere indifferenti, non si può lasciar correre", scrive su Facebook.