Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Siglato l'accordo tra i sindacati confederali e l'azienda di Castelfranco

STIGA, PREVISTI 97 ESUBERI ENTRO IL 2020

Definiti cassa integrazione e incentivi all'esodo


CASTELFRANCO VENETO - Dopo lunga trattativa, oggi Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil di Treviso, unitamente alle Rsu, riunite alla direzione del lavoro della Regione del Veneto, hanno definito con la direzione aziendale della Stiga di Castelfranco Veneto, un accordo sindacale che prevede la gestione della crisi industriale e della tenuta occupazionale nei siti produttivi di Castelfranco e di Resana, nei quali sono attualmente impiegati 630 dipendenti. La direzione aziendale nel quadro di un piano industriale di natura conservativa ha comunque previsto un esubero di 97 lavoratori.
Le sigle sindacali hanno previsto una gestione di questi esuberi attraverso lo strumento della Cigs, oggi definito nel periodo medio lungo 2019/2020. L'accordo prevede anche che la condizione per la cessazione del rapporto di lavoro sia la volontarietà, con incentivi al personale full time variabili dai 30mila ai 35mila euro e riproporzionati per i part time, oltre all’utilizzo degli ammortizzatori disponibili Cigs e Naspi.
La concentrazione delle attività produttive nel sito di Resana sarà, inoltre, oggetto di attento monitoraggio da parte delle Rsu, che auspicano l’avvio di una fase di ricerca e sviluppo di nuovi prodotti a sostituzione di quelli oggetto di esternalizzazione, non più fonte di risultato economico e tecnologicamente datati.