Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Siglato l'accordo tra i sindacati confederali e l'azienda di Castelfranco

STIGA, PREVISTI 97 ESUBERI ENTRO IL 2020

Definiti cassa integrazione e incentivi all'esodo


CASTELFRANCO VENETO - Dopo lunga trattativa, oggi Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil di Treviso, unitamente alle Rsu, riunite alla direzione del lavoro della Regione del Veneto, hanno definito con la direzione aziendale della Stiga di Castelfranco Veneto, un accordo sindacale che prevede la gestione della crisi industriale e della tenuta occupazionale nei siti produttivi di Castelfranco e di Resana, nei quali sono attualmente impiegati 630 dipendenti. La direzione aziendale nel quadro di un piano industriale di natura conservativa ha comunque previsto un esubero di 97 lavoratori.
Le sigle sindacali hanno previsto una gestione di questi esuberi attraverso lo strumento della Cigs, oggi definito nel periodo medio lungo 2019/2020. L'accordo prevede anche che la condizione per la cessazione del rapporto di lavoro sia la volontarietà, con incentivi al personale full time variabili dai 30mila ai 35mila euro e riproporzionati per i part time, oltre all’utilizzo degli ammortizzatori disponibili Cigs e Naspi.
La concentrazione delle attività produttive nel sito di Resana sarà, inoltre, oggetto di attento monitoraggio da parte delle Rsu, che auspicano l’avvio di una fase di ricerca e sviluppo di nuovi prodotti a sostituzione di quelli oggetto di esternalizzazione, non più fonte di risultato economico e tecnologicamente datati.