Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Aperte le iscrizioni per il 6° anno del progetto

UNIVERSITÀ DEL VOLONTARIATO A TREVISO

Master dedicato a dirigenti delle organizzazioni e interventi mirati all’interazione tra volontariato e imprese


TREVISO. Da sabato 20 Luglio sono aperte le iscrizioni per il 6° anno di Università del Volontariato di Treviso, percorso formativo gratuito offerto da Volontarinsieme – CSV Treviso insieme all’Università Ca’ Foscari Venezia, partito nel 2014 e che ha già “diplomato” 150 volontari, studenti e cittadini aspiranti volontari.

C’è tempo fino al 30 Settembre per volontari e cittadini e al 15 Ottobre per gli studenti universitari, con tre posti riservati a volontari di Belluno.

Università del Volontariato ha coinvolto in questi anni quasi 2mila volontari e cittadini interessati all’alta formazione offerta, che hanno partecipato alle lezioni specialistiche aperte alla cittadinanza.

Lo scorso 21 Giugno si è tenuta la cerimonia di consegna attestati per i 28 corsisti dell’anno appena concluso (la classe in fotografia allegata) che contribuiscono quindi a raggiungere quota 150 volontari altamente qualificati.

Quest’anno, Università del Volontariato a Treviso si arricchisce anche di uno short master riservato ai dirigenti delle organizzazioni dal titolo “Gestire un’associazione. Aspetti manageriali e responsabilità” che si svilupperà tra Gennaio e Marzo 2020. La Riforma del terzo settore porta con sé una riconfigurazione del non-profit, ovvero dell’”infrastruttura organizzativa della società civile”. Il volontariato e gli enti del terzo settore devono mettersi in condizione di essere credibili e riconosciuti agenti di innovazione sociale, capaci di interpretare e anticipare i bisogni e di organizzare le risposte. Il corso si propone di offrire ai dirigenti delle associazioni strumenti concettuali ed operativi per comprendere il contesto sociale ed istituzionale, analizzare i bisogni, progettare le azioni e agire con efficacia ed efficienza. La proposta è aperta ad un gruppo di 15 partecipanti e l’accesso è riservato a presidenti e membri di consiglio direttivo di OdV e APS.

Il prossimo anno accademico sarà inoltre dedicato al rapporto tra volontariato, non profit e mondo dell’impresa. Diversamente da quanto si è soliti pensare, il mondo del volontariato e quello delle imprese hanno diversi obiettivi in comune. Per raggiungere i propri scopi benefici il volontariato ha molto da guadagnare dalle capacità economiche, organizzative e tecnologiche delle imprese. Allo stesso tempo, le imprese beneficiano moltissimo della coesione sociale, del clima di fiducia e, più in generale, dello spirito di collaborazione che il volontariato contribuisce a creare. L’incontro fra questi due mondi va dunque incoraggiato, favorendo in particolare progetti di innovazione sociale per migliorare quei servizi di welfare – assistenza alle persone in difficoltà, inclusione nella vita attiva, sostegni alla formazione, rafforzamento della protezione civile, iniziative per l’ambiente, per citare alcuni esempi – che le forme tradizionali di azione pubblica non riescono da sole a garantire. Il Campus Ca’ Foscari Treviso e Volontarinsieme CSV – Treviso, vedono dunque con grande interesse lo sviluppo di questa collaborazione, mettendo competenze e strutture a servizio di un progetto dal grande valore sociale.

Il percorso di studi strutturato è articolato in corsi base obbligatori (36 ore complessivamente), lezioni specialistiche a scelta (almeno 10 ore) e uno stage di volontariato (almeno 20 ore). Al termine dello stage viene richiesta l’elaborazione di un prodotto personale di restituzione dell’esperienza.

Ogni corsista viene sostenuto nella sua formazione da un tutor con il supporto del quale definisce il piano di studi più adatto alla sua situazione e che lo accompagna per tutto il percorso. Il tutor aiuta negli approfondimenti, nei rapporti con i docenti, nelle esercitazioni e nello stage.

Al percorso strutturato si affianca quello a libera frequenza, con la scelta di un piano di studi di interesse tra le oltre 200 ore di lezioni specialistiche proposte.

Le iscrizioni al prossimo anno accademico saranno aperte fino al 30 Settembre per volontari e cittadini e 15 Ottobre per gli studenti universitari.