Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lo studio allestito in un appartamento di Mogliano

FALSO STUDIO MEDICO: COPPIA NEI GUAI

Marito e moglie usavano timbri e firma di un vero professionista per prescrivere le cure


MOGLIANO. In un appartamento di Mogliano avevano allestito uno studio medico con tanto di sala d'attesa. Ricevevano pazienti da mezzo veneto e dispensavano consigli e cure naturali, in qualche caso i pazienti erano effettivi da malattie gravi. Se dovevano prescrivere medicinali usavano la carta intestata e i timbri di un vero e ignaro professionista. Una coppia, marito e moglie, è stata denunciata per esercizio abusivo di professione continuato e falsità materiale. Durante la perquisizione nel "falso" studio medico i militari hanno trovato anche una trentina di schede relative ai pazienti. Tutto è partito dalla segnalazione fatta dal vero medico, un professionista di Noale che aveva scoperto come qualcuno usasse le sue generalità per prescrivere le cure.