Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il virus ha colpito un 79enne della provincia di Padova

WEST NILE, PRIMO CASO IN VENETO

La Regione: "Diffusione limitata ma teniamo alta la guardia"


PADOVA. Un 79enne residente nella bassa pianura di Padova è stato contagiato dalla "West Nile", ovvero la febbre del Nilo. L'uomo è ricoverato in ospedale, da dieci giorni presentava i classici sintomi dell'infezione: dolore moscolare e febbre persistente. "Al momento - fa sapere la Direzione Prevenzione dell'Area Sanità e Sociale della Regione del Veneto - . La situazione è sotto controllo, la rete di sorveglianza regionale non ha evidenziato alcuna positività per il virus West Nile nelle zanzare catturate il che indica una diffusione più limitata del virus nell'insetto vettore rispetto allo scorso anno". Nel 2018 la prima positività nelle zanzare era stata riscontrata il 7 giugno e il primo caso umano era stato notificato il 16 con quasi un mese di anticipo rispetto a questa estate, complice anche il meteo e le basse temperature registrare nella seconda parte della primavera.