Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/277: A PADOVA IL GOLF GIOVANILE INTERNAZIONALE

L'U.S. Kids Venice Open ospitato tra Galzignano, Montecchia e Frassenelle


PADOVA - È ancora una volta a Padova l’International U.S. Kids Venice Open, affollata da centinaia di atleti, provenienti da ogni parte del mondo. L’U.S. Kids è istituzione americana con 27 circoli affiliati in Italia, che ha il fine di aprire il Golf ai più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/276: LA CALMA DI PATRICK REED È VINCENTE AL NORTHERN TRUST

Lo statunitense bissa il successo del 2016 nel primo torneo della FedEx Cup


NEW JERSEY (USA) - È questa la prima delle tre gare valide per la FedEx Cup, inserita nel corso della stagione PGA Tour: tre tornei a eliminazione, giocati nel mese di agosto, che portano all’assegnazione di una grossa somma di denaro: 15 milioni di dollari del Jackpot al vincitore di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/275: LA FAVOLA DI "CENERENTOLA" SHIBUNO DIVENTA REALTÀ

La giapponese regina del British Open femminile


LITTE BRICKHILL (GBR) - È tempo di dare visibilità al Golf femminile, a “quell’altra metà del cielo”, che rende più brioso il Campo da Golf. L’organizzatore del torneo, il Royal & Ancient Golf Club di St. Andrews, la massima autorità...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il virus ha colpito un 79enne della provincia di Padova

WEST NILE, PRIMO CASO IN VENETO

La Regione: "Diffusione limitata ma teniamo alta la guardia"


PADOVA. Un 79enne residente nella bassa pianura di Padova è stato contagiato dalla "West Nile", ovvero la febbre del Nilo. L'uomo è ricoverato in ospedale, da dieci giorni presentava i classici sintomi dell'infezione: dolore moscolare e febbre persistente. "Al momento - fa sapere la Direzione Prevenzione dell'Area Sanità e Sociale della Regione del Veneto - . La situazione è sotto controllo, la rete di sorveglianza regionale non ha evidenziato alcuna positività per il virus West Nile nelle zanzare catturate il che indica una diffusione più limitata del virus nell'insetto vettore rispetto allo scorso anno". Nel 2018 la prima positività nelle zanzare era stata riscontrata il 7 giugno e il primo caso umano era stato notificato il 16 con quasi un mese di anticipo rispetto a questa estate, complice anche il meteo e le basse temperature registrare nella seconda parte della primavera.